Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Abbott ha annunciato che il suo stent XIENCE ha ricevuto il marchio CE in Europa per una durata più breve della doppia terapia antipiastrinica per i pazienti con alto rischio di sanguinamento (HBR). L’approvazione segue i risultati recenti di due studi che hanno dimostrato che la DAPT di un mese o di tre mesi seguita dalla monoterapia con aspirina è sicura nei pazienti con HBR e ha lo scopo di migliorare i risultati dei pazienti e fornire ai medici più opzioni per curare i loro pazienti. XIENCE è lo stent più utilizzato al mondo ed è l’unico stent ad avere prove e dati per DAPT di un mese e tre mesi seguito da due diversi tipi di farmaci per fluidificare il sangue nei pazienti con HBR. I pazienti che ricevono stent sono tipicamente in regime DAPT da sei a 12 mesi per supportare la guarigione dei vasi e impedire che la coagulazione blocchi il vaso con stent. Tuttavia, i pazienti con HBR possono manifestare effetti collaterali come sanguinamento durante cicli prolungati di DAPT. Gli studi XIENCE 28 e XIENCE 901 di Abbott dimostrano che DAPT può essere interrotto in modo sicuro in anticipo, fino a 28 giorni, senza aumentare il rischio di eventi avversi per il paziente, confermando ulteriormente il profilo di sicurezza leader del settore dello stent XIENCE. “I risultati degli studi che hanno esaminato lo stent XIENCE in pazienti ad alto rischio di sanguinamento con durate più brevi della doppia terapia antipiastrinica erano altamente coerenti – senza aumento degli eventi cardiaci e significativa riduzione del sanguinamento grave. Vedere tale coerenza è importante per i medici che cercano il miglior risultato possibile per i nostri pazienti “, afferma Marco Valgimigli, vicecapo del CardioCentro Ticino, Lugano, Svizzera e professore di cardiologia presso l’Università della Svizzera italiana. Gli studi clinici XIENCE 28 e XIENCE 90 hanno arruolato più di 3.600 partecipanti provenienti da Europa, Americhe e Asia. Gli studi hanno monitorato due diverse durate DAPT esclusivamente in pazienti con HBR. I risultati sono coerenti e conclusivi: i pazienti che ricevono lo stent XIENCE con durate DAPT più brevi non hanno un aumento degli eventi cardiaci e hanno mostrato una riduzione del sanguinamento grave, dimostrando che strategie DAPT brevi con lo stent XIENCE sono sicure nei pazienti con HBR. “Nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento, lo stent XIENCE ha dimostrato di poter garantire la sicurezza del paziente senza comprometterne l’efficacia quando la durata dei farmaci anticoagulanti è ridotta”, afferma Nick West, chief medical officer e vicepresidente di divisione degli affari medici globali presso l’attività vascolare di Abbott. “Questi risultati si basano sull’impareggiabile volume di ricerche che confermano le prestazioni leader dello stent XIENCE in una vasta gamma di situazioni cliniche e di pazienti”. Per anni, la comunità cardiologica interventistica globale si è concentrata sulla ricerca e sull’innovazione per supportare trattamenti DAPT più brevi per i pazienti che necessitano di stent ma che possono essere a più alto rischio di sanguinamento. Abbott ha condotto la ricerca clinica necessaria per valutare la sicurezza dello stent XIENCE nei pazienti che utilizzano una durata DAPT più breve. Questi investimenti nella ricerca clinica hanno costruito una serie di prove che hanno avuto un impatto su quello che è stato a lungo lo standard di cura per i pazienti dopo lo stent coronarico. Lo stent XIENCE viene utilizzato in trattamenti salvavita che possono aiutare a prevenire o curare gli attacchi di cuore e ora è stato costantemente dimostrato sicuro con strategie DAPT brevi per i pazienti con HBR. Abbott sta anche cercando un’indicazione per HBR per lo stent XIENCE negli Stati Uniti.

Share Button