Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Medtronic ha annunciato il rilascio dei risultati nei primi 100 pazienti trattati con il sistema di ablazione a radiofrequenza OsteoCool nello studio clinico OPuS One. Lo studio, che è il rilascio di dati clinici più significativo fino ad oggi per la tecnologia OsteoCool, ha mostrato che i pazienti hanno avuto un miglioramento significativo e rapido nel sollievo dal dolore a soli tre giorni dopo la procedura e miglioramenti sostenuti nel dolore e nella qualità della vita fino a sei mesi. I risultati sono stati pubblicati nell’edizione di novembre del Journal of Vascular and Interventional Radiology. “Il rapido sollievo dal dolore è stato senza dubbio il risultato più importante dello studio. Inoltre, dato il significativo miglioramento della qualità della vita che abbiamo visto in una popolazione di pazienti così ammalati, speriamo che questi dati significativi forniscano prove a sostegno di un aumento precoce di questa terapia nel paradigma del trattamento del cancro”. Jason Levy, radiologo interventista, Northside Hospital System, Atlanta GA. Il cancro che ha metastatizzato o spostato nell’osso circostante può influire sulla qualità della vita, producendo complicazioni come dolore, fratture e ridotta mobilità. Oltre a questi sintomi, le metastasi ossee possono causare cambiamenti dell’umore come depressione e ansia. Radiazioni la terapia è tradizionalmente considerata il trattamento palliativo gold standard per i pazienti con metastasi ossee. Ma 1 malato di cancro su 3 viene lasciato con un trattamento inadeguato o un controllo del dolore non controllato perché trattamenti come oppioidi, chemioterapia e radioterapia non hanno funzionato per loro. Il sistema OsteoCool può essere utilizzato come trattamento aggiuntivo in questo caso e non interrompe altre terapie sistemiche. “La nostra attività di Terapie interventistiche del dolore è intrinsecamente connessa alla Missione Medtronic, che ci chiama ad alleviare il dolore”, ha affermato Anu Codaty, vicepresidente e direttore generale dell’attività Terapie interventistiche del dolore di Medtronic, che è segnalata come parte del Restorative Therapies Group. “Con questi dati, speriamo di portare consapevolezza a un’opzione di trattamento che può aiutare rapidamente i malati di cancro che soffrono di dolore debilitante”. Secondo i risultati dello studio, i pazienti trattati con RFA hanno ottenuto miglioramenti significativi nel sollievo dal dolore in tutte le visite. I risultati hanno mostrato un rapido miglioramento del dolore già a 3 giorni e durato fino a 6 mesi. I pazienti nello studio hanno anche ottenuto miglioramenti significativi nell’interferenza del dolore e nella qualità della vita in tutte le visite. L’interferenza del dolore misura sette elementi di interferenza. Lo studio del centro multicentrico ha incluso un totale di 218 pazienti in 16 centri negli Stati Uniti, in Europa e in Canada. Il follow-up è stato completato sui pazienti immediatamente dopo la RFA, 3 giorni, 1 settimana e 1, 3, 6 e 12 mesi dopo la procedura. I dati appena rilasciati su dolore, qualità della vita, farmaci e sicurezza includevano risultati a 6 mesi nei primi 100 pazienti. L’endpoint primario OPuS One è stato raggiunto attraverso questi risultati: dimostrare un miglioramento dal basale a 3 mesi post-RFA nel punteggio del dolore peggiore nelle ultime 24 ore in soggetti trattati per lesioni metastatiche solo nel corpo vertebrale toracico e/o lombare. L’87% dei pazienti aveva tumori che coinvolgevano la colonna vertebrale toracolombare e il 13% aveva tumori localizzati nella pelvi e/o nell’osso sacro.

Share Button