Print Friendly, PDF & Email

magic-la-vera-maglietta-della-salute-L-1-175x130La maglietta “MagIC” – frutto della ricerca sviluppata dal Laboratorio Sensori Indossabili e Telemedicina del Polo Tecnologico, l’Unità di ricerca biomedicale del Centro IRCCS “S. Maria Nascente” di Milano della Fondazione Don Gnocchi – sarà tra i protagonisti della Mostra “Stazione Futuro. Qui si rifà l’Italia” che prenderà il via a Torino giovedì 17 marzo e rimarrà aperta fino al 20 novembre 2011, nell’ambito delle manifestazioni per il 150esimo anniversario dell’unità d’Italia.

La mostra rientra nel ciclo di manifestazioni dal titolo “Esperienza Italia, 150 anni di storia, 9 mesi di eventi”, promosso dalla Regione Piemonte e dal “Comitato Italia 150”, con l’obiettivo di illustrare quei progetti che oggi rappresentano maggiormente l’innovazione e che potranno influenzare l’Italia in futuro.

La partecipazione a questa importante rassegna nel capoluogo piemontese è un ulteriore riconoscimento per i risultati ottenuti dalla Fondazione Don Gnocchi nel settore scientifico, che contribuirà a far conoscere maggiormente la maglietta MagIC (Maglietta interattiva computerizzata), prodotto utilizzabile per il telemonitoraggio dei pazienti cronici e la teleriabilitazione, oltre che per la sicurezza sul lavoro e negli ambiti dello sport e del fitness.

MagIC è una normale maglietta in cotone che ha al proprio interno piccole zone realizzate con fibre tessili speciali che permettono di controllare il respiro e l’attività cardiaca di chi la indossa per ben 200 volte al secondo. Va indossata come se fosse un indumento intimo e non richiede il posizionamento sul corpo di fili o elettrodi adesivi.

Alla maglietta si collega un piccolo modulo elettronico, delle dimensioni e peso di un telefono cellulare, in grado di rilevare l’attività fisica e la postura del soggetto, nonché di memorizzare i dati provenienti dalla maglietta e trasmettere i segnali via bluetooth a una centrale remota di monitoraggio. Inizialmente progettata per il monitoraggio dei parametri vitali in soggetti anziani e pazienti con patologie cardiovascolari, la maglietta è oggi applicata anche in contesti più dinamici: dalla valutazione della performance cardiovascolare in soggetti sani durante le attività lavorative e sportive, alla sorveglianza dei parametri fisiologici durante l’esposizione a condizioni ambientali estreme (ad esempio in alta quota sul Monte Everest, o in condizione di microgravità durante voli parabolici). 

Nessun articolo correlato
Share Button