Print Friendly, PDF & Email

Inaugurati ed operativi i due nuovi Modular Hospital interamente ideati e costruiti dall’italiana Acotec Turnkey, divisione di Mangini Healthcare: il primo in Abruzzo, collegato al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Salvatore dell’Aquila, il secondo in Umbria, presso l’Ospedale Città di Castello. 

La struttura presso l’Ospedale San Salvatore dell’Aquila accoglie 10 posti letto di terapia sub-intensiva, che all’occorrenza possono essere utilizzati anche per la terapia intensiva, per uno spazio di circa 200 mq. 

La struttura presso l’Ospedale Città di Castello accoglie anch’essa 10 posti letto di terapia intensiva, per uno spazio di circa 370 mq.

Entrambi i progetti sono stati realizzati in tempi record: dalla progettazione alla consegna sono intercorsi solo 54 giorni. 

La commessa è stata assegnata a Mangini dal Commissario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19.

Le unità sono costruite in completa conformità alle normative degli ambienti a contenimento biologico. Esternamente sono realizzate con strutture in carpenteria metallica leggera, rivestimento interno in parete modulare prefabbricata, di tipo medicale, impianto di condizionamento e filtrazione aria a totale espulsione, che garantisce la pressione negativa dei locali con pazienti infetti.

Internamente, sono equipaggiate con ventilatori polmonari, pompe per siringa ed infusionali, sistemi di monitoraggio, lampade scialitiche mobili, diafanoscopi, apparecchi per radiologia portatili, carrelli d’emergenza, elettrocardiografi, video laringoscopi, letti per terapia intensiva ed arredi di complemento.

L’impegno di Mangini è sull’intero territorio nazionale: Il San Salvatore e l’Ospedale di Città di Castello seguono infatti tre strutture già a regime nella Regione Lazio, e, nei prossimi giorni verrà inaugurato un’ulteriore struttura sempre in Umbria, presso l’Ospedale San Giovanni Battista di Foligno.

Massimo Mangini, Presidente di Mangini Group, commenta così questo importante traguardo: “Dopo i 27 posti letto realizzati per la Regione Lazio e già operativi, siamo orgogliosi di aver terminato la costruzione del modular hospital de L’Aquila e di Città di Castello, con 20 nuovi posti letto.. In un periodo in cui purtroppo i casi di Covid stanno tornando a crescere e l’emergenza sanitaria sta mettendo ancora alla prova i nostri ospedali, siamo felici di poter affiancare la sanità italiana con le nostre tecnologie, fornendo un sistema efficace e di veloce realizzazione come il Modular Hospital”.

Share Button