Print Friendly, PDF & Email

I risultati positivi di alto livello dello studio di Fase III HIMALAYA hanno mostrato che una singola dose iniziale di tremelimumab aggiunta a Imfinzi ha dimostrato un beneficio di sopravvivenza globale statisticamente significativo e clinicamente significativo rispetto a sorafenib come trattamento di prima linea per i pazienti con carcinoma epatocellulare non resecabile che non aveva ricevuto una precedente terapia sistemica e non era idoneo per il trattamento localizzato. Questa nuova dose e programma di tremelimumab, un anticorpo anti-CTLA4, e Imfinzi è chiamato regime STRIDE. La combinazione ha dimostrato un profilo di sicurezza favorevole e l’aggiunta di tremelimumab a Imfinzi non ha aumentato la tossicità epatica grave. Imfinzi da solo ha dimostrato una OS non inferiore a sorafenib con un trend numerico a favore di Imfinzi e un profilo di tollerabilità migliorato rispetto a sorafenib. Il cancro del fegato, di cui l’HCC è il tipo più comune, è la terza causa di morte per cancro e il sesto cancro più comunemente diagnosticato in tutto il mondo con circa 900.000 persone diagnosticate ogni anno 1-2 Solo il 7% dei pazienti con malattia avanzata sopravvive cinque anni.

Ghassan Abou-Alfa, medico assistente presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center e ricercatore principale nello studio di Fase III HIMALAYA, ha dichiarato: “HIMALAYA è il primo studio di Fase III ad aggiungere una nuova dose singola di innesco di un anticorpo anti-CTLA4 ad un altro inibitore del checkpoint, durvalumab. Questo serve a rafforzare il sistema immunitario del paziente contro il cancro al fegato, con l’obiettivo di massimizzare la sopravvivenza a lungo termine con effetti collaterali minimi. Questa è una notizia molto eccitante per i nostri pazienti”.

Susan Galbraith, Executive Vice President, Oncology R&D, AstraZeneca, ha dichiarato: “L’inibizione di CTLA-4 ha mostrato la capacità di apportare benefici in particolare nella coda della curva di sopravvivenza in diversi contesti. Questa è la prima volta che un doppio regime di immunoterapia ha migliorato la sopravvivenza globale come trattamento di prima linea per i pazienti con cancro al fegato non resecabile per i quali le opzioni di trattamento sono limitate e gli esiti a lungo termine sono scarsi”.

Share Button