Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Commentando i risultati del gruppo, il CEO e presidente di Octapharma Wolfgang Marguerre ha dichiarato: “Octapharma nel 2019 ha ottenuto un risultato eccezionale. Abbiamo registrato una crescita soddisfacente in tutte e tre le nostre aree terapeutiche. Abbiamo continuato a investire in modo cospicuo nel settore R&D per finanziare sia la scoperta e lo sviluppo di nuovi trattamenti che cambiano la vita, sia le nostre capacità di raccolta del plasma, per garantire ai pazienti la fornitura dei nostri prodotti salvavita anche in futuro”.

Il gruppo Octapharma ha conseguito una forte performance nel 2019. Le vendite di 2,2 miliardi di euro rappresentano un aumento di 417 milioni di euro rispetto al 2018. Inoltre, il reddito operativo è aumentato di 78,6 milioni di euro rispetto al 2018, a 424 milioni di euro.

L’utile lordo nel 2019 è stato di 783 milioni di euro, che è di 152 milioni di euro in più rispetto al 2018. Nonostante gli investimenti continui nelle capacità di raccolta e produzione di plasma per soddisfare la crescente domanda globale per i nostri prodotti, il margine lordo è aumentato dello 0,3% al 35,4%.

Sono stati fatti investimenti significativi per la prosperità futura del Gruppo in ricerca e sviluppo e nell’ampliamento delle capacità di raccolta e produzione del plasma. Importanti pietre miliari nell’espansione e nell’utilizzo del portafoglio di prodotti ricombinanti e plasma sono diventati realtà negli ultimi 12 mesi. Per garantire che ogni litro di plasma sia utilizzato in modo ottimale, il Gruppo continuerà ad entrare in nuovi mercati ed espandere il proprio portafoglio con nuovi prodotti e servizi innovativi.

“L’anno scorso i nostri prodotti hanno toccato centinaia di migliaia di pazienti in tutto il mondo”, ha dichiarato Roger Mächler, Chief Financial Officer del gruppo Octapharma. “I nostri significativi investimenti nella ricerca e nelle infrastrutture posizionano fortemente Octapharma per soddisfare le esigenze insoddisfatte di più operatori sanitari e pazienti in tutto il mondo nei prossimi anni.”

Share Button