Print Friendly, PDF & Email

Gilead Sciences ha annunciato i dati di uno studio di fase 1 in corso, che ha dimostrato che una formulazione sottocutanea a consegna prolungata della società in fase di sperimentazione, nuovo inibitore della funzione del capside HIV-1, lenacapavir, concentrazioni terapeutiche previste sostenute per almeno sei mesi dopo una singola dose da 900 mg. Nello studio, lenacapavir è stato generalmente ben tollerato e non sono stati segnalati eventi avversi gravi. Questi dati sono stati presentati alla 23a Conferenza internazionale sull’AIDS.
“La terapia antiretrovirale a lunga durata d’azione può aiutare ad affrontare le sfide legate all’aderenza al trattamento e all’affaticamento del trattamento, fornendo ulteriori opzioni alle persone che vivono con l’HIV”, ha affermato Eric S. Daar, MD, capo della divisione di medicina dell’HIV presso il Lundquist Institute for Biomedical Institute presso Harbour-UCLA Medical Center e professore di medicina presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA. “I promettenti profili di sicurezza e farmacocinetici di lenacapavir supportano la valutazione continua di un intervallo di dosaggio ogni sei mesi e dimostrano ulteriormente il potenziale per una singola iniezione sottocutanea di lenacapavir di far parte di un regime di trattamento dell’HIV ad azione prolungata.”
Lenacapavir è un agente sperimentale che viene sviluppato come componente di un regime a lunga durata d’azione in combinazione con altri agenti antiretrovirali. Lenacapavir interrompe il capside dell’HIV, un guscio multimerico essenziale per la replicazione virale, in più fasi durante il ciclo di vita virale. Nel maggio 2019, la FDA ha concesso la Breakthrough Therapy Designation per lo sviluppo di lenacapavir per il trattamento dell’infezione da HIV-1 in pazienti con esperienza di trattamento pesante con resistenza a più farmaci in combinazione con altri farmaci antiretrovirali.
“Vi è una irresistibile necessità insoddisfatta di interventi che possono potenzialmente migliorare l’aderenza del trattamento alla terapia cronica per l’HIV, compreso lo sviluppo di formulazioni a lunga durata d’azione, che possono essere somministrate meno frequentemente”, ha affermato Diana Brainard, MD, Vicepresidente senior e Area terapeutica virologica Capo, Gilead Sciences. “Speriamo di rendere l’HIV una parte più gestibile della vita delle persone attraverso continue innovazioni terapeutiche, inclusa l’esplorazione degli intervalli di somministrazione che coincidono con le visite periodiche programmate con gli operatori sanitari.”
La sicurezza, l’efficacia e il dosaggio di lenacapavir sono in fase di valutazione in numerosi studi clinici in corso e non sono stati ancora stabiliti. I dati iniziali degli studi di Fase 1 che hanno valutato l’attività antivirale di lenacapavir sono stati presentati alla 17a Conferenza europea sull’AIDS a Basilea, in Svizzera nel 2019 e presentati alla Conferenza sui retrovirus e le infezioni opportunistiche (CROI) 2020 a Boston, Massachusetts.

In questo studio di fase 1 in corso, randomizzato, in cieco, controllato con placebo, a dose singola ascendente, 30 partecipanti sono stati randomizzati per ricevere 300 mg/mL di lenacapavir sottocutaneo o placebo, a 300 mg o 900 mg. Tutti i partecipanti allo studio hanno completato il dosaggio e i dati di farmacocinetica e sicurezza sono stati raccolti dopo circa 64 settimane dalla dose.

È stato osservato un rilascio iniziale lento di lenacapavir e le concentrazioni plasmatiche terapeutiche sono state mantenute per almeno sei mesi dopo una singola dose da 900 mg, somministrata come 3 iniezioni da 1,0 mL. Risultati simili sono stati osservati dopo una dose di 900 mg somministrata come 2 iniezioni da 1,5 mL. Le esposizioni a Lenacapavir sono aumentate in modo generalmente proporzionale alla dose da 300 mg a 900 mg, con concentrazioni massime raggiunte da 11 a 14 settimane dopo la dose e un’emivita apparente di circa 15 settimane.

Lenacapavir era generalmente ben tollerato; non si sono verificati eventi avversi gravi o di grado 3 o 4 correlati al farmaco in studio o che hanno portato alla sospensione dello studio. Gli eventi avversi più comuni erano indurimento nel sito di iniezione, dolore) ed eritema, tutti lievi. Non ci sono state anomalie di laboratorio clinicamente rilevanti di grado 3 o superiore.

Lenacapavir è un composto sperimentale e non è stato approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti o da qualsiasi altra autorità di regolamentazione e la sicurezza e l’efficacia non sono ancora note. Non esiste una cura per l’HIV o l’AIDS.

Share Button