Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Un team di chirurghi del Mount Sinai di New York ha eseguito il primo trapianto tracheale umano al mondo, un risultato che ha il potenziale per salvare la vita di migliaia di pazienti in tutto il mondo che hanno difetti alla nascita della trachea, malattie delle vie aeree non curabili, ustioni, tumori o gravi danni alla trachea da intubazione, compresi coloro che erano stati ricoverati in ospedale con COVID-19 e posti su un ventilatore. Fino ad ora, non esistevano trattamenti a lungo termine per questi pazienti con danno tracheale a segmento lungo e migliaia di adulti e bambini morivano ogni anno come risultato. La trachea, nota anche come trachea, è un organo essenziale per parlare, respirare e per la normale funzione polmonare. La trachea collega la laringe ai polmoni e svolge un ruolo fondamentale nella normale funzione polmonare, nel sistema immunitario e nella respirazione. I chirurghi non sono stati in grado di trapiantare questo organo in gran parte a causa della complessità di fornire flusso sanguigno alla trachea del donatore, lasciando ai pazienti con malattia tracheale a segmento lungo alcuna opzione di trattamento. La procedura storica del Mount Sinai è il risultato di 30 anni di ricerca, in gran parte incentrata su come rivascolarizzare o fornire flusso sanguigno alla trachea. La procedura di 18 ore si è svolta mercoledì 13 gennaio ed è stata guidata dal dott. Eric M. Genden, Isidore Friesner Professor e Chair of Otolaryngology – Head and Neck Surgery for Mount Sinai Health System e Professore di Neurochirurgia e Immunologia, presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai. Il complesso intervento chirurgico ha coinvolto un team di oltre 50 specialisti tra chirurghi, infermieri, anestesisti e residenti.
“Per la prima volta, siamo in grado di offrire un’opzione di trattamento praticabile ai pazienti con difetti tracheali a segmento lungo compromettenti la vita, e questo sviluppo cambierà lo standard di cura. È particolarmente opportuno dato il numero crescente di pazienti con estesi problemi tracheali dovuti all’intubazione COVID-19. A causa sia della ventilazione meccanica che della natura della malattia delle vie aeree indotta da COVID-19, la malattia delle vie aeree tracheali è in rapido aumento e ora abbiamo un trattamento. Il nostro protocollo di trapianto e rivascolarizzazione della trachea è affidabile, riproducibile e tecnicamente semplice”, afferma il dott. Genden. “Per anni, il consenso medico e scientifico è stato che il trapianto di trachea non poteva essere eseguito perché la complessità dell’organo rendeva impossibile la rivascolarizzazione e ogni precedente tentativo di eseguire trapianti nell’uomo si è concluso con un fallimento. Questo risultato chirurgico non è solo il culmine di 30 anni di ricerca iniziata quando ero uno studente di medicina al Monte Sinai, ma è stato anche reso possibile dallo spirito di collaborazione che esiste al Monte Sinai”.
La ricevente del trapianto di trachea è un’assistente sociale di 56 anni di New York City. Aveva gravi danni alla trachea dovuti a ripetute intubazioni dopo un attacco d’asma; diversi tentativi chirurgici falliti di ricostruire la sua trachea hanno portato a ulteriori danni. Respirò attraverso una tracheotomia – un foro nel collo creato chirurgicamente – ed era ad alto rischio di soffocamento e morte a causa della progressione della sua malattia delle vie aeree e della probabilità che la sua trachea collassasse. Essere costantemente preoccupato che sarebbe andata a dormire la notte e non si sarebbe mai svegliata è stata la sua motivazione principale per sottoporsi alla procedura sperimentale. Durante la procedura, l’équipe chirurgica del Monte Sinai ha rimosso la trachea ei vasi sanguigni associati dal donatore. Quindi, i chirurghi hanno ricostruito la trachea nel ricevente dai polmoni alla laringe ed hanno eseguito una serie di anastomosi microvascolari, collegando i piccoli vasi sanguigni che nutrono la trachea del donatore con i vasi sanguigni del ricevente. I chirurghi hanno utilizzato una parte dell’esofago e della ghiandola tiroidea per aiutare a fornire l’afflusso di sangue alla trachea, il che ha portato a una rivascolarizzazione di successo. In definitiva, questa procedura ha permesso la rimozione della tracheotomia della ricevente, dandole l’opportunità di respirare attraverso la bocca per la prima volta in sei anni.

“Nonostante le ricerche approfondite sull’apporto vascolare all’organo utilizzando modelli umani e animali, non esiste un vero modo per prepararsi completamente per condurre un primo trapianto umano come questo”, ha detto il dott. “Ad esempio, non avevamo una guida per quanto bene l’innesto avrebbe tollerato il trapianto, quindi abbiamo lavorato molto rapidamente. Diciotto ore dopo, era chiaro che avevamo realizzato ciò che molti dicevano che non poteva essere fatto. Alla fine, tutto è andato liscio perché abbiamo messo insieme un team forte con una vasta esperienza chirurgica nel trapianto di organi e nella ricostruzione tracheale. Vedere l’innesto prendere vita e sapere che l’organo era ben vascolarizzato è stata un’esperienza straordinaria. Sapere che questa procedura e 30 anni di ricerca salveranno innumerevoli vite è stato indescrivibile. È per questo che facciamo quello che facciamo, per fare la differenza”. La paziente non ha avuto complicazioni o segni di rigetto d’organo ei medici la stanno monitorando attentamente per valutare i suoi progressi e la reazione alla terapia antireiezione. Le loro osservazioni informeranno lo sviluppo del Programma di trapianto tracheale del Monte Sinai, consentendo al Dr. Genden di offrire questo approccio terapeutico ai pazienti a livello nazionale e internazionale.
“Il Mount Sinai ha avuto molti primati e questo straordinario sforzo è stato il risultato della visione, delle capacità e della perseveranza del dottor Genden, nonché della forza e della fiducia di questo incredibile paziente”, ha affermato Sander S. Florman, The Charles Miller, Professore Ordinario di Chirurgia e Direttore del Recanati / Miller Transplantation Institute presso il Monte Sinai. “Il Transplant Institute è orgoglioso di sostenere gli sforzi del dottor Genden e di avere l’esperienza per contribuire a rendere questa nuova possibilità per questi pazienti”. “Fin dall’inizio, il Monte Sinai ha dimostrato eccellenza e innovazione nella cura dei pazienti e il lavoro del dottor Genden e dei chirurghi che hanno reso possibile e con successo questo trapianto si basa su tale eredità”, afferma Kenneth L. Davis, Presidente e Amministratore delegato del Mount Sinai Health System. “Attraverso la collaborazione e la ricerca continue, continueremo a far progredire la nostra comprensione delle complesse sfide mediche e degli approcci terapeutici pionieristici che ci consentono di portare a termine la nostra missione per realizzare i migliori risultati possibili per i nostri pazienti e rafforzare la salute della nostra comunità”. “Plaudo all’intero team del Monte Sinai per aver aperto la strada al primo trapianto tracheale riuscito. Questa procedura storica mostra che la donazione di organi e tessuti è un campo in evoluzione che continua a guarire e salvare vite in modi nuovi e significativi. È importante ricordare che questa procedura non sarebbe stata possibile senza il donatore altruistico di organi che ha scelto di dare il dono della vita. Se non lo hai fatto, considera la possibilità di iscriverti come donatore di organi, occhi e tessuti. Anche tu puoi salvare una vita”, spiega Helen Irving, Presidente e Amministratore delegato di LiveOnNY, l’organizzazione per l’approvvigionamento di organi con cui il Monte Sinai ha lavorato per ricevere il donatore di trachea.

Share Button