Print Friendly, PDF & Email

Il Fab Lab OpenDot è tra i 5 finalisti della Nike Circular Innovation Challenge, con un prototipo di materasso posturale regolabile per persone affette da Sindrome di Rett, realizzato con scarti di suole Nike.
La Nike Circular Innovation Challenge è un’iniziativa all’interno del programma a favore della sostenibilità promosso da Nike che, nello specifico, ha invitato designer, ingegneri, scienziati e maker a proporre progetti di ricerca, sperimentazioni e prototipi nell’ambito dell’economia circolare.
La Challenge, sviluppata in collaborazione con OpenIDEO, ha previsto la creazione di un prodotto che utilizzasse i materiali Nike Grind, ovvero miscele di gomma, schiuma, fibra, pelle e tessuto provenienti da calzature usate o eccedenze di lavorazione.
L’obiettivo della Challenge è ispirare prodotti che migliorino la vita delle persone, riducendo i rifiuti ed evolvendo il processo di riciclaggio delle calzature.
Il materasso posturale personalizzabile progettato da OpenDot è composto da un cuscino con federa riempito con scarti di suole Nike e da un sistema sottovuoto, controllato da valvole e sensori che consentono di gestirne e regolarne la forma. Per modellare il materasso sul corpo, è sufficiente aprire la valvola e lasciare che l’aria entri. Un sensore di pressione indica quando la forma può essere stabilizzata, mentre un software, in via di sviluppo, consentirà di acquisire grazie alla scansione 3D le forme del materasso, al fine di valutare l’evoluzione della postura nel tempo.
L’idea nasce dall’esigenza delle persone affette da Sindrome di RETT di avere materassi posturali più versatili e accessibili. Il prototipo può infatti essere rimodellato ogni volta che è necessario, per continuare la terapia anche a casa.
La sindrome di Rett è una malattia genetica che colpisce principalmente bambine in età infantile e che porta, nell’83% dei casi, a una scoliosi grave, oppure a una deviazione di almeno 10 gradi nella colonna vertebrale. InShape Mattress è progettato in collaborazione con Mattia Ciurnelli e i terapisti Meir Lotan e Alberto Romano.
OpenDot è un Fab Lab, un polo di ricerca e open innovation, fondato nel 2014 da Dotdotdot, uno studio di progettazione multidisciplinare con sede a Milano, focalizzato sull’interaction design e la user experience. OpenDot offre consulenza e ricerca sperimentale ad aziende, università e istituzioni private e pubbliche. Sviluppa processi di progettazione estremamente complessi, basati sui principi di open-source e su un know-how tecnologico e digitale. Concentrandosi su processi di innovazione e co-design che coinvolgono diverse professioni, OpenDot mira a generare cambiamenti e crescita a livello di formazione, progettazione e produzione.

Nessun articolo correlato
Share Button