Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Si chiama VACCINATE ed è il primo studio osservazionale europeo sugli effetti della vaccinazione sui pazienti con malattie autoimmuni sistemiche promosso da ERN ReCONNET, la rete di riferimento europea per le malattie rare e complesse del tessuto connettivo e dell’apparato muscoloscheletrico, coordinata dalla professoressa Marta Mosca, direttore dell’Unità operativa di Reumatologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana.
L’obiettivo dello studio è generare nuova evidenza scientifica e comprendere meglio sia la sicurezza sia l’efficacia del vaccino in questa popolazione, e quindi: promuovere un approccio armonizzato della raccolta dei dati sulla vaccinazione COVID-19 in pazienti con malattie autoimmuni sistemiche; valutare il profilo di sicurezza della vaccinazione COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni sistemiche ed evidenziare possibili eventi avversi specifici della malattia; valutare l’efficacia della vaccinazione COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni sistemiche e evidenziare potenziali variabili che impediscono un’efficace immunizzazione contro il COVID-19; osservare l’andamento della malattia dopo la vaccinazione.

Per Marta Mosca «si conferma così – dopo la pubblicazione su ‘Nature Rheumatology’ dell’articolo “The impact of COVID-19 on rare and complex connective tissue diseases: the experience of ERN ReCONNET”, dedicato alle ricadute della pandemia sulla comunità europea di malattie rare e complesse autoimmuni sistemiche – l’importanza e il valore aggiunto di far parte di una infrastruttura europea nell’ambito delle malattie rare e complesse”.
Per Carlo Milli, direttore amministrativo di Aoup e membro del Working Group degli ERN Hospital Manager creato dalla Commissione Europea, «il lavoro svolto dagli ERN è di straordinaria importanza. In particolare, lo studio portato avanti da ERN ReCONNET ha poi un valore speciale per l’Azienda per il suo ruolo di coordinatore e testimonia come il funzionamento della rete europea sia di stimolo al miglioramento continuo nelle attività di cura, ma anche di ricerca sulle malattie rare e complesse».

Share Button