Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Dal 15 giugno di quest’anno il dott. Claudio Vella è il Direttore della Chirurgia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Ferrara.

Sposato, 2 figli di 7 e 4 anni, Vella ha lavorato 13 anni a Milano ed è membro delle più importanti società medico scientifiche del campo chirurgico pediatrico. Laureato e specializzato a Ferrara sotto la direzione del prof. Andrea Franchella, dal 2007 e fino all’incarico di Direttore della Chirurgia Pediatrica di Ferrara ha lavorato presso l’Ospedale dei Bambini di Milano “V. Buzzzi”. Ha maturato esperienze chirurgiche con particolare dedizione alla chirurgia mininvasiva.

“Ho l’onore di proseguire un percorso, quello della Chirurgia Pediatrica, che porta con sé il vanto di una longeva attività clinica, eredità della Direzione affidata al prof. Andrea Franchella che qui saluto e ringrazio”.

Le parole di Vella proseguono con quelli che sono gli obiettivi principali del suo mandato. “Di certo la priorità è quella di fornire l’assistenza ospedaliera in ambito di chirurgia pediatrica programmata e urgente per il territorio ferrarese, con un’offerta di competenze superspecialistiche per una utenza regionale ed extraregionale secondo la programmazione della Regione Emilia – Romagna, utilizzando le risorse professionali e strumentali presenti nell’intero sistema ospedaliero, promuovendo anche un’articolazione territoriale delle prestazioni ambulatoriali. Si dovrà garantire un percorso chirurgico adeguato alle necessità del bambino, sia per la patologia chirurgica pediatrica generale sia per altre specialità chirurgiche, assicurando un percorso assistenziale attento ai bisogni della popolazione pediatrica”.

Importante sarà anche la collaborazione con le altre discipline del Dipartimento Materno Infantile, attraverso – per esempio il percorso della diagnosi prenatale delle malformazioni congenite e concorrendo allo sviluppo dei protocolli per il trattamento delle più complesse patologie di interesse neonatale e pediatrico. “Coltiveremo le collaborazioni con ogni Unità Operativa – spiega Vella – in particolare con la Pediatria per ogni necessità di consulenza e la Terapia Intensiva Neonatale e pediatrica nell’assistenza al bambino con malformazioni congenite, con la Chirurgia Maxillo-Facciale per gli esiti delle labiopalatoschisi in età adolescenziale e con la Genetica Medica nei protocolli terapeutici innovativi nelle distrofie muscolari senza dimenticare il supporto costante della UO di Anestesia e Rianimazione che mette a disposizione una decennale esperienza in ambito pediatrico. Non tralasceremo gli studi clinici e di ricerca, la definizione di percorsi specifici per pazienti con malattie rare, la collaborazione con tutte le strutture di Area Vasta nonché il grande sostegno e lo sviluppo delle attività dell’Unità Operativa di Chirurgia Pediatrica in favore dei paesi con risorse limitate”.

Tra i progetti in fase di realizzazione da parte del nuovo Direttore della Chirurgia Pediatrica ci sono l’ampliamento delle applicazioni delle tecniche di chirurgia mininvasiva anche nel neonato e nel lattante, il rinnovo strutturale e concettuale della documentazione sanitaria come la  cartella clinica e i consensi chirurgici con una attenzione anche alla struttura del reparto che è già all’avanguardia nel garantire  un adeguato  confort ai  piccoli pazienti e ai loro famigliari in assistenza. Non per ultimo il desiderio di essere presenti sul territorio con l’attività ambulatoriale e con iniziative formative, di scambio e confronto con i Pediatri di Libera scelta ed i Medici di medicina generale.

“Siamo lieti – ha dichiarato il Direttore Generale del S. Anna, Paola Bardasi – di avere nella nostra squadra il dott. Vella. Non solo per le sue alte competenze cliniche, ma anche perché arriva dalla scuola ferrarese del prof. Franchella. Attraverso la professionalità e l’entusiasmo del dott. Vella e grazie alle competenze e all’ampia esperienza acquisite negli anni, contiamo di elevare la Chirurgia Pediatrica a polo di eccellenza e di riferimento regionale ed extraregionale”.

Share Button