Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Baxter International supporta i risultati intermedi di uno studio prospettico in corso, “Persistent Hypermetabolism and Longitudinal Energy Expenditure in Critically Ill Patients with COVID-19”, volto a dimostrare il ruolo della calorimetria indiretta nella misurazione più accurata del fabbisogno nutrizionale dei pazienti affetti da COVID-19 durante il ricovero nelle unità di terapia intensiva. Lo studio, supportato da Baxter attraverso il finanziamento avviato da un ricercatore e recentemente pubblicato in “Critical Care”, è la prima analisi del dispendio energetico a riposo longitudinale in pazienti gravemente ammalati di COVID-19 e ventilati meccanicamente.

I risultati ad interim di 22 pazienti statunitensi valutati in 21 giorni suggeriscono che le equazioni predittive, comunemente utilizzate per stimare i bisogni nutrizionali dei pazienti, sono in gran parte imprecise per questa popolazione di pazienti. Gli autori hanno osservato un ipermetabolismo progressivo e una considerevole variazione di REE nel corso della permanenza dei pazienti in terapia intensiva, suggerendo che la dipendenza dalle equazioni predittive potrebbe portare a una sottoalimentazione dei pazienti COVID-19, in particolare più tardi durante la loro permanenza in terapia intensiva. Ciò è degno di nota perché si sa poco sui bisogni nutrizionali dei pazienti con COVID-19 in condizioni critiche e perché studi precedenti su pazienti in terapia intensiva hanno associato la sovralimentazione e la sottoalimentazione a esiti negativi, inclusa la mortalità.
Durante lo studio, il fabbisogno energetico è stato misurato mediante calorimetria indiretta ogni tre giorni e confrontato con il fabbisogno energetico previsto secondo l’equazione di Harris-Benedict. Dopo la prima settimana in terapia intensiva sono stati osservati ipermetabolismo e variabilità più ampia in mREE. L’ipermetabolismo osservato è persistito e mREE è aumentato durante la terza settimana di terapia intensiva con una media mREE del 150% di quella prevista. In alcuni casi, l’REE era fino a due volte maggiore di quella prevista dall’HBE, che ha significativamente sottostimato l’REE dopo la prima settimana di terapia intensiva. I risultati dello studio sono in linea con la letteratura pubblicata in precedenza sull’importanza di misurare i bisogni nutrizionali dei pazienti e di adattare la terapia nutrizionale nel corso del ricovero di un paziente, poiché l’REE cambia durante questo periodo.

Share Button