Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Sarà un Congresso “diffuso” il XXVI Congresso Nazionale della Società Italiana di Neonatologia, che si terrà quest’anno presso il Palazzo del Casinò di Venezia, dal 7 al 10 ottobre, mettendo in collegamento virtuale la sede principale con le varie regioni d’Italia. Istituite, infatti, altre sedi “satellite” in alcune città quali Torino, Milano, Firenze, Roma, Avellino e Palermo, che avranno la possibilità di interagire in live streaming, attraverso una piattaforma web dedicata. Le nuove modalità di svolgimento digitali consentiranno a neonatologi, pediatri, infermieri e specializzandi la partecipazione in totale sicurezza, rispettando norme e disposizioni in continua evoluzione a causa dell’epidemia da Sars-Cov-2.

Tra i temi affrontati nei quattro giorni, Il neonato con encefalopatia ipossico-ischemica: presente e futuro e i relativi aspetti legati alla prevenzione, al trattamento e Follow-up a lungo termine. In occasione del Congresso saranno presentati i dati preliminari di una Survey della SIN. Oggetto di analisi e discussione anche le raccomandazioni, per affrontare la malattia e migliorarne le cure a livello nazionale.

Verrà anche trattato il problema della Mortalità perinatale in Italia, al quale sarà dedicata una interessante lettura magistrale della Dott.ssa Serena Donati, ricercatrice del Centro nazionale epidemiologia e sorveglianza per la promozione della Salute della donna e dell’età evolutiva dell’Istituto Superiore di Sanità. Non mancherà una sessione sulle Infezioni neonatali: attualità e prospettive, un problema molto rilevante che costituisce la seconda causa di morte fra i neonati pretermine. Verranno presentate le Linee Guida della SIN, in fase di avanzata realizzazione, per la prevenzione delle infezioni ospedaliere del neonato. L’obiettivo principale è di uniformare le procedure e le modalità di prevenzione sull’intero territorio nazionale. Sull’altrettanto dibattuto tema della Rianimazione neonatale verranno presentati, inoltre, i risultati di una Survey condotta dalla Union of European Neonatal and Perinatal Societies, in collaborazione con la SIN ed il suo Gruppo di Studio di Rianimazione Neonatale. In un Simposio post-congressuale, al quale prenderanno parte prestigiosi ricercatori, saranno ripresi ed approfonditi in ogni aspetto anche i più recenti temi legati all’Infezione da SARS-CoV-2: conoscenze e questioni aperte, relativi alla diade mamma-neonato, con i primi dati del Registro Italiano SIN.

Tra i topic del Congresso la lettura magistrale di Walter Ricciardi, consulente del Ministero della Salute e rappresentante italiano al Consiglio dell’OMS, Pandemia come cambiamento epocale: adeguata visione per una corretta gestione, introdotta dal Prof. Alberto Villani, Presidente della Società Italiana di Pediatria.

Giovedì 8 ottobre dalle 12:00 alle 13:00 si terrà, come di consueto, la cerimonia inaugurale, alla quale sono stati invitati anche il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, il Patriarca di Venezia Mons. Francesco Moraglia e il Magnifico Rettore dell’Università Ca’ Foscari di Venezia Tiziana Lippiello, oltre ai Presidenti delle più importanti Società Scientifiche Nazionali ed Internazionali dell’Area Perinatologica.

Mercoledì 7 sarà dedicato ai Corsi precongressuali, undici per questa edizione, una importante occasione di aggiornamento per medici ed infermieri e alle attività dei Gruppi di Studio, punto di riferimento della SIN per la promozione delle attività scientifiche e di ricerca. Particolare attenzione sarà rivolta ai giovani, con una inedita sessione digitale “Saranno Famosi”, durante la quale saranno presentati 20 contributi scelti tra i migliori pervenuti e “News dalla ricerca: la parola ai giovani neonatologi”, con altre 4 relazioni selezionate dalla Commissione nominata dal Consiglio Direttivo della SIN.

In concomitanza al Congresso Nazionale SIN, si terrà la seconda edizione del Congresso della Società Italiana di Neonatologia Infermieristica, con due sessioni e due corsi congressuali a cui parteciperanno, secondo le stesse modalità soprariportate, numerosi infermieri coinvolti quotidianamente nella cura del neonato.

Tanti e di rilevante interesse gli argomenti affrontati, che coinvolgeranno l’ambito materno-neonatale, sia per la nascita prematura che quella a termine, per mettere sempre “il neonato al centro del futuro”.

Share Button