Print Friendly, PDF & Email

Masimo ha annunciato che, in uno studio pubblicato da Injury, i ricercatori hanno utilizzato il monitoraggio continuo non invasivo dell’emoglobina SpHb di Masimo per analizzare possibili ritardi nell’individuazione dell’anemia perioperatoria rilevata usando i valori dell’emoglobina ricavati da misurazioni invasive intermittenti di laboratorio nei pazienti più anziani sottoposti a interventi di chirurgia per frattura dell’anca. Costoro hanno inoltre esaminato le associazioni tra questo ritardo e il tempo perioperatorio complessivo nei pazienti con anemia usando il monitoraggio con SpHb e gli esiti dei pazienti.
Il Dr. Christopher G. Clemmesen e suoi colleghi della Clinica Universitaria di Copenaghen in Danimarca hanno cercato di analizzare l’impatto dell’anemia sugli esiti dei pazienti durante gli interventi chirurgici edi vedere se il monitoraggio non invasivo dell’emoglobina con SpHb di Masimo potrebbe fornire indicazioni precoci dell’anemia perioperatoria. Essi hanno inoltre cercato di di monitorare il tempo complessivo in modo più efficace rispetto al tradizionale campionamento ematico invasivo intermittente in caso di anemia perioperatoria.

Sono stati analizzati i dati di 41 pazienti, di età pari o superiore a 65 anni, sottoposti a chirurgia per riparare le fratture dell’anca. Sono stati prelevati campioni di sangue secondo il protocollo ospedaliero standard, con trasfusioni innescate da un valore di emoglobina inferiore a 10 g/dL, che è stato utilizzato anche per definire l’anemia. Durante l’intervento chirurgico, SpHb, nonché saturazione di ossigeno, indice di perfusione e frequenza del polso, sono stati monitorati in modo non invasivo utilizzando i CO-ossimetri a impulsi Masimo Radical-7 e i sensori rainbow. I clinici sono stati accecati da dati diversi da SpO2 per impedire loro di utilizzare i valori di SpHb o Pi per guidare le trasfusioni o altre decisioni cliniche.

I ricercatori hanno trovato un ritardo medio nel rilevamento di anemia di 1,07 ore. Hanno trovato un’associazione significativa tra tempo perioperatorio cumulativo mediano con basso SpHb e delirio postoperatorio: 162 minuti per i pazienti con delirio contro 22 minuti per i pazienti senza.

I ricercatori hanno concluso: “In conclusione, abbiamo riscontrato un ritardo nel rilevamento della soglia di trasfusione in media e, per alcuni pazienti, il ritardo è stato sostanziale nonostante lo studio sia stato condotto in un ambiente perioperatorio ottimizzato in un reparto specializzato. Il monitoraggio continuo con SpHb durante il periodo perioperatorio ha rivelato che alcuni pazienti presentavano livelli di Hb al di sotto della soglia trasfusionale prescritta per un periodo prolungato. Inoltre, abbiamo trovato una significativa associazione tra la presenza di bassi valori di SpHb e risultati postoperatori e tra il tempo cumulato con bassi livelli di SpHb e risultati postoperatori. … L’aumento del monitoraggio si traduce in un miglioramento dei risultati dei pazienti richiederà ulteriori studi. “

Il co-autore dello studio Dr. Nicolai B. Foss ha commentato: “Può esserci un ritardo significativo nella rilevazione perioperatoria di anemia nei pazienti con frattura dell’anca e il tempo trascorso anemico, misurato in modo continuo da SpHb, è stato associato a scarsi risultati nel nostro studio. Abbiamo bisogno di un monitoraggio continuo al fine di identificare e agire sull’anemia in modo tempestivo per migliorare i risultati dei pazienti. Riteniamo che i futuri studi sulle trasfusioni dovrebbero includere un migliore monitoraggio perioperatorio dell’emoglobina per aiutare a identificare l’anemia.”

SpHb non è destinato a sostituire gli esami del sangue di laboratorio. Le decisioni cliniche relative alle trasfusioni di globuli rossi dovrebbero basarsi sul giudizio del medico considerando tra gli altri fattori: le condizioni del paziente e i test diagnostici di laboratorio che utilizzano campioni di sangue.

Share Button