Print Friendly, PDF & Email

Masimo ha reso noto che, in uno studio recentemente pubblicato sul “Journal of Clinical Monitoring and Computing”, i ricercatori hanno esaminato la capacità dell’Indice di Riserva di Ossigeno ORi di Masimo di fungere da indicatore non invasivo della pressione arteriosa parziale dell’ossigeno durante l’anestesia generale in modo da evitare l’iperossia. L’ORi è un indice di ossigenazione per le aree a iperossia moderata.

Il dottor Keisuke Yoshida e colleghi della Fukushima Medical University School of Medicine in Giappone hanno cercato di valutare se ORi potesse fornire una visione continua e non invasiva per evitare l’eccessiva iperossia confrontando la relazione tra PaO2 e ORi durante varie condizioni di somministrazione dell’ossigeno. Hanno arruolato 20 pazienti in attesa di un intervento chirurgico che necessitava di anestesia generale. L’ORi è stato misurato usando Masimo Root con i sensori Radical-7 Pulse CO-Oximeter e rainbow. La PaO2 è stata misurata utilizzando l’analizzatore di gas del sangue Siemens RAPIDLab 1265. Per ciascun paziente, dopo aver indotto l’anestesia, l’analisi dei gas del sangue per misurare la PaO2 è stata eseguita quattro volte, con valori ORi registrati ogni volta che veniva prelevato il sangue, fornendo 80 serie di dati. L’analisi iniziale è stata eseguita con concentrazione di ossigeno inspirato impostata su 0,33, con le tre analisi successive eseguite quando ORi era intorno a 0,5, 0,2 e 0, ottenuto regolando la FiO2.

Per l’analisi, i ricercatori hanno scelto una soglia di PaO2 superiore a 240 mmHg, sulla base di uno studio precedente che ha trovato una correlazione positiva tra ORi e PaO2 quando PaO2 <240 mmHg.2 hanno definito l’ipossoiemia come PaO2 ≥ 150 mmHg. Utilizzando l’analisi di regressione lineare, i ricercatori hanno trovato una correlazione positiva “relativamente forte” tra ORi e PaO2 quando PaO2 era inferiore a 240 mmHg. Usando l’analisi della curva caratteristica operativa del ricevitore, hanno calcolato che il valore ORI di cut-off ottimale per rilevare PaO2 ≥ 150 mmHg era 0,21. Usando l’analisi del diagramma a quattro quadranti, hanno scoperto che ORi era un PaO2 di tendenza con un tasso di concordanza del 100%.

I ricercatori hanno concluso che “l’iperossia può essere rilevata osservando l’ORi dei pazienti in anestesia generale, e quindi la somministrazione non necessaria di ossigeno ad alta concentrazione può essere evitata.” Hanno anche osservato, “ORi ha caratteristiche uniche che riflettono lo stato di ossigenazione nel range iperossico. Il presente studio ha esaminato i dati in anestesia generale in sala operatoria, ma le caratteristiche uniche di ORi possono fornire benefici non solo in sala operatoria, ma anche in ICU e in altri campi. In futuro, per sfruttare al massimo l’ORi, è necessario un ulteriore studio clinico. “

Come limiti dello studio, i ricercatori hanno notato il piccolo numero di soggetti nello studio. Inoltre, hanno osservato, “È plausibile che i fattori di un dato paziente influenzino il loro valore di ORi. Pertanto, ORi potrebbe non riflettere tutte le modifiche in PaO2.”

ORi non ha ricevuto l’autorizzazione FDA 510 (k) e non è disponibile per la vendita negli Stati Uniti.

Share Button