Twitter, Facebook e email creerebbero più dipendendenza di alcool e fumo

Print Friendly, PDF & Email

notizie-facebook-twitterQuante volte vi è capitato di cercare di resistere a quel tweet scritto in tarda notte o a voler controllare le email del lavoro un´ultima volta? La cattiva notizia è che secondo un nuovo studio che ha misurato i vari desideri e il loro manifestarsi nella vita quotidiana, gli impulsi legati al proprio lavoro e all´ intrattenimento sul web avrebbero la meglio sull´autocontrollo.

 

"La vita moderna è un tumulto di desideri vari e assortiti, ed è scandita da conflitti frequenti e resistenza, ma quest’ultima risulta sempre meno controllabile", spiega il Professor Wilhelm Hofmann della University of Chicago Booth School of Business, autore principale dello studio, "Desires and Cravings: Food, Money, Status, Sex", che verrà pubblicato prossimamente nella rivista specializzata Psychological Science.

 

Nello studio sul controllo del desiderio, sono stati fatti indossare a 205 adulti dei dispositivi che hanno registrato un totale di 7.827 segnalazioni giornaliere sulle loro voglie e desideri. La voglia di dormire e di fare sesso si son manifestati i desideri più forti, mentre la voglia di utilizzare strumenti di comunicazione multimediale e i desideri legati al lavoro, si son dimostrati i più difficili da resistere.

Nell´immaginario comune, il tabacco e l’alcool sono sostanze creanti forti dipendenze, eppure, lo studio ha dimostrato che i desideri associati a queste due sostanze sono stati i più deboli di tutti. Un´altra sorpresa per i ricercatori: il sonno e le attività legate allo svago rappresenterebbero le voglie più problematiche, in quanto esisterebbe "una tensione molto forte tra l´istinto naturale di riposo e la moltitudine di obblighi lavorativi e doveri della vita quotidiana", aggiunge Hofmann.

 

Inoltre, lo studio ha riconfermato i risultati di ricerche fatte nel passato, dimostrando che più frequentemente e recentemente si ha resistito a un desiderio, meno successo si avrà a resistere alle voglie successive. Quindi, con il passare del tempo, la forza di volont diventa sempre più debole, e gli sforzi per autocontrollarsi hanno più probabilità di fallire, conclude Hofmann, co-autore dello studio con Roy Baumeister della Florida State University e Kathleen Vohs della University of Minnesota.

Gli effetti dell´indebolimento della forza di volontà spiegano anche perchè cosi tante persone hanno problemi a resistere alla golosità – più resistono al cibo malsano, e più ne hanno voglia.

Nessun articolo correlato
Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *