Print Friendly, PDF & Email

Takeda Pharmaceutical ha annunciato che presenterà un totale di 29 abstract sponsorizzati dall’azienda al 61o Congresso annuale dell’American Society of Hematology, che si terrà dal 7 al 10 dicembre 2019 a Orlando, Florida, evidenziando l’impegno della società nel continuo progresso del trattamento di tumori ematologici e disturbi della coagulazione.

Takeda presenterà 29 aggiornamenti scientifici sulle terapie sperimentali e in fase iniziale della società, che dimostrano il suo investimento in nuovi composti per soddisfare le esigenze dei pazienti, nonché i dati degli studi di fase 3 e dei risultati delle prove nel mondo reale, negli stati patologici tra cui il mieloma multiplo, linfoma e leucemia.

“Stiamo presentando dati notevoli su diversi programmi clinici presso ASH, mettendo in evidenza la nostra pipeline di oncologia profonda e il nostro impegno nello sviluppo di terapie innovative che possono rispondere a bisogni insoddisfatti per i malati di cancro del sangue”, ha dichiarato Phil Rowlands, Head, Oncology Therapeutic Area Unità, Takeda. “In particolare, non vediamo l’ora di condividere i dati dello studio clinico di Fase 3 di ixazomib in pazienti affetti da amiloidosi, dati dallo studio americano MM-6, che valuta una transizione in classe da bortezomib parenterale a ixazomib orale in mieloma multiplo, ulteriori analisi da lo studio di fase 3 ECHELON-2 su ADCETRIS nel linfoma a cellule T periferico, nonché i dati della fase iniziale di numerosi programmi della pipeline.”

In ematologia, Takeda presenterà prove del mondo reale da studi del suo portafoglio di trattamenti per i disturbi emorragici, tra cui l’emofilia A, l’emofilia B e la malattia di von Willebrand. La società presenterà anche aggiornamenti scientifici relativi ai suoi programmi di terapia genica dell’emofilia A e dell’emofilia B e alla piattaforma di terapia genica del virus adeno-associato.

“Comprendere le prove del mondo reale è fondamentale poiché Takeda continua a fornire ai pazienti terapie innovative per l’emofilia A e l’emofilia B, ampliando al contempo i nostri sforzi di ricerca e sviluppo nella malattia di von Willebrand e altri disturbi emorragici”, ha affermato Daniel Curran, MD, Head, Malattie rare Unità di area terapeutica, Takeda. “Anche in ASH, non vediamo l’ora di fornire un aggiornamento sui nostri programmi di terapia genica nell’emofilia e l’ottimizzazione della piattaforma di terapia genica AAV di Takeda, in particolare per i pazienti con immunità preesistente ai sierotipi AAV.”

Share Button