Tag Archives: Assistenza a distanza

L’ultimo report “Future Health Index” di Philips punta i riflettori sulla telemedicina

Royal Philips ha annunciato la pubblicazione dell’ultimo rapporto sull’Indice di salute futura. Telehealth: delivering value across institutional and geographical borders” è un’analisi indipendente, commissionata da Philips, dei blocchi stradali e delle sfide per l’implementazione dei servizi di telemedicina in tutto il mondo. Il rapporto mostra che, nonostante il numero sempre crescente di casi studio che collegano la telemedicina a cure più efficaci e a costi inferiori, il panorama dell’adozione è misto.
La telemedicina, la fornitura di assistenza sanitaria da remoto attraverso le reti di telecomunicazioni, ha il potenziale per aumentare l’accesso all’assistenza sanitaria, ottenere migliori risultati, ridurre i costi, garantire la soddisfazione professionale dell’assistenza sanitaria e migliorare l’esperienza del paziente: cinque fattori che indicano il successo dei sistemi di assistenza basati sul valore . L’ultimo rapporto dell’Indice Future Health mostra che la tecnologia di cura connessa è già una realtà in specifiche parti del sistema sanitario, offrendo notevoli benefici in radiologia e patologia, dove consente la condivisione sicura e senza interruzioni di immagini mediche per una migliore diagnosi, trattamento, follow-up e distribuzione del carico di lavoro. Inoltre sta cominciando a essere utilizzato nella pratica generale, nel monitoraggio remoto dei pazienti e nella Tele-Intensive Care Unit.
“La telemedicina è l’ultimo esempio di collegamento di persone, dati e sistemi in modo che tutti, ovunque nel mondo, possano accedere a una qualità di assistenza che consenta loro di vivere una vita sana e soddisfacente”, ha dichiarato Jan Kimpen, Chief Medical Officer per Philips. “In radiologia e patologia, in particolare nella diagnosi del cancro, le soluzioni di telerilevamento stanno già aiutando i medici a fare le prime diagnosi giuste che consentono ai pazienti di ottenere il trattamento giusto, nel posto giusto, al momento giusto. Allo stesso tempo, la capacità di condividere la conoscenza dei contenuti con i colleghi in qualsiasi parte del mondo rende la vita dei medici più gratificante e soddisfacente. Il rapporto dell’Indice di salute futuro di oggi è un lungo cammino per identificare ciò che deve essere fatto per fare lo stesso accadere in molte altre aree di cura in cui la telemedicina ha il potenziale per migliorare la vita dei pazienti e dei caregivers con soluzioni sostenibili. “
Il rapporto “Telehealth: delivering value across institutional and geographical borders” mette in evidenza molti successi stimolanti nella telemedicina, come il suo ruolo nell’implementazione della tele-ICU, un’unità di terapia intensiva in cui pazienti critici, che potrebbero trarre notevoli benefici dall’opportunità di rilevare gli eventi avversi in precedenza, può essere monitorato a distanza 24 ore su 24, 7 giorni su 7 o su base consultiva da esperti clinici situati all’interno di reti regionali, nazionali o in diversi fusi orari. Tuttavia, rivela anche che il tasso di adozione delle soluzioni di telerilevamento in tutto il mondo è ancora relativamente lento, anche nella comunità di radiologia dove meno della metà (39%) dei radiologi intervistati ha affermato di utilizzare le tecnologie di cura connesse nella loro pratica. Questo lento tasso di adozione è anche evidenziato dai dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, che indicano che solo il 22% dei paesi ha politiche nazionali di telemedicina e dal rapporto FHI 2018 che rileva che solo il 31% dei paesi esaminati dal FHI aveva chiaramente regole definite che regolano la raccolta, la protezione e la condivisione dei dati. Eppure queste decisioni politiche sono precursori essenziali delle iniziative nazionali di telesalute.
In totale, il rapporto identifica cinque fattori chiave che sono potenziali, sebbene non insormontabili, ostacoli all’adozione diffusa del telehealth: modelli obsoleti di rimborso e pagamento, atteggiamenti culturali, mancanza di incentivi finanziari, politiche restrittive e infrastrutture tecnologiche inadeguate, come l’accesso alla banda larga. Basandosi sui risultati di studi accademici e interviste approfondite con i principali opinion leader, propone una serie di raccomandazioni attuabili per superare queste barriere.
Il rapporto si conclude con una chiara affermazione che, come per altri aspetti dell’assistenza connessa, il successo nella telemedicina si baserà in definitiva sul coinvolgimento di più attori – operatori sanitari, popolazione generale, pagatori, regolatori e settore privato – insieme al riconoscimento che l’assistenza sanitaria è, in fondo, un campo umano che dipende dalle persone.
Il Future Health Index è una piattaforma basata sulla ricerca progettata per aiutare a determinare la prontezza dei Paesi ad affrontare le sfide sanitarie globali, come l’invecchiamento della popolazione, e costruire sistemi sanitari nazionali sostenibili e adatti allo scopo. Condurre ricerche che coprono 16 paesi utilizzando una moltitudine di metriche, una delle sue scoperte chiave è che l’integrazione della tecnologia di assistenza connessa nei sistemi sanitari può accelerare i paesi lungo il percorso verso l’assistenza sanitaria basata sul valore, offrendo migliori risultati ai pazienti a costi inferiori tramite consegna centrata sul paziente Modelli. L’ultimo rapporto si concentra sulla telemedicina come motore del cambiamento nella transizione all’assistenza sanitaria basata sul valore e alla copertura sanitaria universale, uno degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Exprivia|Italtel presenta una soluzione IoT per la telemedicina al “Vodafone 5G Experience Day”

In occasione dell’evento “Vodafone 5G Experience Day” dedicato a partner, start up e imprese coinvolte nella sperimentazione 5G a Milano, Vodafone ha presentato la soluzione di IoT per la telemedicina per i pazienti affetti da scompenso cardiaco realizzata insieme a … Per saperne di più

Con la telemedicina migliora il Percorso diabete della Casa della Salute di Bomporto

Dopo un’intensa attività organizzativa si rinnova il “Percorso diabete” alla Casa della Salute di Bomporto: attraverso la telemedicina, infatti, le attività di diagnostica e refertazione saranno gestite in rete, a tutto vantaggio dei pazienti diabetici . Grazie al lavoro dell’Ingegneria … Per saperne di più