Tag Archives: obesità

Tra le varie forme del corpo le pere sono più salutari delle mele

Un gruppo di ricerca dell’Università della California, Riverside, ha scoperto che solo i topi maschi hanno sperimentato la neuroinfiammazione, o l’attivazione della risposta del sistema immunitario nel cervello, dopo essere stati nutriti con una dieta ricca di grassi. Mentre le femmine non erano interessate, i maschi mostravano un basso livello di testosterone e una riduzione del numero di spermatozoi, oltre alla neuroinfiammazione.
Studi clinici hanno portato i ricercatori a credere che le femmine siano protette dall’aumento di peso quando sono giovani a causa dell’estrogeno ovarico. La comprensione è stata che le donne aumentano di peso dopo la menopausa a causa di un calo precipitoso degli estrogeni, con conseguente riduzione dei parametri di salute, tra cui l’obesità.
“Abbiamo affrontato questa ipotesi rimuovendo le ovaie nei topi giovani”, ha detto Djurdjica Coss, professore associato di scienze biomediche presso la Scuola di Medicina UCR, che ha guidato lo studio. “Abbiamo scoperto che i topi continuano ad aumentare di peso quando alimentano una dieta ricca di grassi, suggerendo che gli ormoni ovarici sono effettivamente protettivi contro l’aumento di peso. Ma abbiamo anche scoperto che questi topi femmina non mostrano né neuroinfiammazione, né cambiamenti negli ormoni riproduttivi, suggerendo che sono protetti da fattori diversi dagli estrogeni ovarici.”
“I topi con una dieta ricca di grassi sviluppano la sindrome metabolica – una costellazione di patologie che include il diabete di tipo 2 e l’insensibilità all’insulina – analogamente agli umani obesi”, ha detto. “Gli uomini obesi hanno bassi livelli di testosterone, contribuendo alla bassa libido, bassa energia e ridotta forza muscolare. Lo vediamo anche nei topi; topi maschi obesi hanno mostrato una riduzione del 50% circa del testosterone e del numero di spermatozoi. Le donne obese hanno difficoltà con i loro cicli mestruali. Non ovulano. I topi femmina obesi mostrano lo stesso, contribuendo alla diminuzione della fertilità. È interessante notare che il 18% delle coppie negli Stati Uniti ora ha bisogno di interventi medici – trattamenti ormonali, fecondazione in vitro – per concepire un bambino. L’obesità è un fattore probabile.”
L’aumento dell’obesità è un problema di salute pubblica negli Stati Uniti, dove oltre il 30% delle persone è obeso e oltre i due terzi sono sovrappeso. L’obesità è stata associata con il declino mentale e un aumento del tasso di ictus, oltre ad altri problemi che interessano gli organi interni. Negli Stati Uniti alcuni gruppi di minoranze etniche sono colpiti in modo sproporzionato dall’obesità.
Le donne e i topi depositano il grasso in modo diverso rispetto alle loro controparti maschili. Le femmine depositano il grasso sottocutaneo, proprio sotto la pelle, mentre i maschi accumulano il grasso più in profondità, nella regione viscerale del corpo, che può colpire gli organi interni.
Alla fine, anche nelle donne, le regioni sottocutanee vengono travolte dal grasso e la regione addominale inizia a mostrare obesità, che porta alla neuroinfiammazione.
“Mentre siamo in sovrappeso, le donne sono più protette degli uomini nei casi di neuroinfiammazione”, ha affermato Coss. “Questa potrebbe essere una protezione evolutiva per le donne, che hanno bisogno di sperimentare più cambiamenti di peso a causa della gravidanza. Questa protezione è significativamente ridotta quando le donne sovrappeso diventano obese e il grasso si accumula intorno alla vita.”
“Sappiamo che il grasso addominale – cioè il grasso attorno agli organi viscerali – si infiamma di un sovraccarico di grasso”, ha detto. “Questo grasso recluta le cellule immunitarie dalla circolazione sanguigna che si attivano”.
Un altro dato importante riportato nello studio è che le cellule immunitarie periferiche, in particolare i macrofagi, attraversano la barriera ematoencefalica – la barriera protettiva che impedisce l’afflusso di molti composti dal sangue al cervello. Questa infiltrazione di cellule immunitarie periferiche nel cervello si verifica in aggiunta all’attivazione di cellule immunitarie residenti.
“Il cervello è stato considerato un ‘sito immune protetto’, ma noi mostriamo che l’infiammazione periferica” ​​si riversa “nel cervello, il che, a sua volta, può causare problemi neuronali sopra menzionati”, ha detto Coss.
“Sappiamo che le cellule immunitarie secernono citochine, che sono marker infiammatori, nel sangue. È possibile che queste citochine viaggino nel sangue dal tessuto grasso e attivino le cellule immunitarie per attraversare la barriera emato-encefalica “, ha detto. “È anche possibile che altre cellule immunitarie contribuiscano alla neuroinfiammazione. Chiaramente, il nostro lavoro ha provocato diverse domande di ricerca a cui vorremmo rispondere.”
“Dopo tutto, associamo il cibo alla felicità, alle interazioni sociali e alle riunioni di famiglia”, ha detto. “Ancora, il mio consiglio è: ‘Guarda la tua dieta! E tieni d’occhio il peso corporeo, in particolare intorno all’addome.”

Obesità infantile, Educare per prevenire: a Bologna il convegno nazionale con professori, medici ed esperti del settore

Secondo una recente mappatura realizzata dal Joint Research Centre della Commissione Europea il 31% dei bambini italiani soffre di obesità, dato confermato anche dai risultati del WHO Childhood Obesity Surveillance Initiative, che ci ha inseriti all’ultimo posto col 21% di … Per saperne di più

Arrivano gli “Orti della Salute” nelle città, per contrastare obesità e diabete

Firmato oggi l’accordo di programma tra Health City Institute, ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani, CittadinanzAttiva e Cia-Agricoltori Italiani per creare nelle maggiori città italiane gli “Orti della salute”, laboratori incentrati sulla promozione dei corretti stili di vita, principalmente a … Per saperne di più

Nasce il laboratorio N2Lab per la ricerca su scompenso, diabete, insufficienza renale e obesità

Da una convenzione siglata tra l’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr, l’Aoup, l’Istituto di BioRobotica e l’Istituto di Scienze della vita della Scuola Superiore Sant’Anna, la Fondazione Toscana “Gabriele Monasterio” e l’Università di Pisa, è nato N2Lab, il primo laboratorio … Per saperne di più