Tag Archives: asl

Maria Tessa

Attivata la “Ray Station” all’Asl AT

Al fine di poter somministrare ai pazienti del territorio astigiano terapie sempre più adeguate, si è reso operativo, da alcuni mesi, presso la Struttura di Radioterapia di Asti un nuovo sistema per l’elaborazione dei piani di cura, denominato “Ray Station” che si compone di vari moduli per il contornamento delle strutture anatomiche, per il calcolo della dose e per la verifica di qualità dei piani redatti.
Ray Station è utilizzato dai medici Radioterapisti e dai fisici Sanitari dell’Azienda, e ha tempi di calcolo molto più brevi rispetto al passato, maggiore versatilità nell’utilizzo di varie opzioni per l’ottimizzazione del piano di cura, e, inoltre ma non solo, possiede un modulo di fusione elastica per inserire nel piano di cura anche le immagini della risonanza magnetica e/o della PET, qualora questo si renda necessario.
Ray Station ha, quindi, apportato un significativo contributo alla tecnologia che supporta la radioterapia con fasci esterni, ma la radioterapia di Asti offre anche la possibilità d’eseguire trattamenti di Brachiterapia e di Plesioroentgenterapia, attuati in pochi centri in Regione, vantando, in questi ambiti, un’esperienza più che ventennale.
“Ogni paziente – spiega Maria Tessa (nella foto) Direttore della Struttura di Radioterapia Ospedale Cardinal Massaia – riceve una terapia personalizzata, dal momento che per ognuno si elabora un “piano di cura”, utilizzando le immagini acquisite con una “TAC” dedicata, in dotazione al reparto, che permette di conformare l’intensità della cura o, meglio, l’intensità della dose in funzione dei dettagli anatomici della singola persona, così come farebbe un sarto raffinato che taglia e cuce tenendo conto anche dei minimi particolari”.
Il processo è estremamente delicato e complesso, specie per i trattamenti radioterapici denominati “IMRT” (Intensity Modulation Radiotherapy) , che irradiano in modo più conformato il volume tumorale, modulando non solo la forma dei fasci ma anche la loro intensità, e richiede l’utilizzo di tecnologie complesse e aggiornate.
La Brachiterapia, ossia la cura mediante sorgenti radioattive posizionate a stretto contatto della malattia, viene declinata nelle sue varie applicazioni ginecologiche, interstiziali, esofagee e bronchiali, e per queste ultime due Asti è centro di riferimento della Rete Oncologica Piemonte – Valle d’Aosta, e che la Plesioroentgenterapia consente di curare lesioni superficiali della cute in sedi critiche, in pazienti anche molto anziani, difficilmente posizionabili sui lettini degli acceleratori lineari.

Un nuovo ecografo alle Strutture di Ostetricia Ginecologia e Pediatria dell’Ospedale di Borgomanero dell’ASL NO

index

Donato un ecografo ad altissima gamma a favore delle Strutture Complesse di Ostetricia Ginecologia e Pediatria del Presidio Ospedaliero di Borgomanero dell’ASL NO, dalle Associazioni di Volontariato “Andrea Valentini un aiuto ai bambini” di Oleggio in collaborazione con “Il Pianeta … Per saperne di più