Tag Archives: ansia

Sogni più dolci in una mente tranquilla

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Turku e dell’Università di Skövde dimostra che le persone più tranquille nello stato di veglia hanno sogni più positivi, mentre quelli con più ansia nello stato di veglia hanno sogni più negativi. Ciò significa che le esperienze oniriche, come rivelato nei sogni richiamati e riportati, possono riflettere la salute mentale di una persona.
È stato a lungo ipotizzato che il contenuto dei sogni possa dirci qualcosa sul benessere della persona. Tuttavia, finora i ricercatori dei sogni hanno studiato principalmente i sogni delle persone che soffrono di vari disturbi e sappiamo molto poco del lato positivo del benessere: le persone più felici hanno sogni più felici? I ricercatori del benessere, d’altra parte, hanno studiato specificamente la felicità, ma hanno trascurato un aspetto importante del benessere: la pace della mente.
“Volevamo affrontare queste importanti lacune nella ricerca sul sogno e sul benessere e studiare come le emozioni dei sogni siano legate non solo a diversi aspetti del risveglio, ma anche a diversi aspetti del risveglio del benessere, inclusa la pace della mente. In effetti, questo è il primo studio a guardare come la pace della mente si relaziona con il contenuto dei sogni”, spiega Pilleriin Sikka, dottorando in psicologia all’Università di Turku e docente di neuroscienza cognitiva all’Università di Skövde, e autore principale dell’articolo pubblicato nella rivista del gruppo “Nature Scientific Reports”.
“La pace della mente è uno stato di pace interiore e armonia, uno stato di benessere più complesso e duraturo tradizionalmente associato alla felicità nelle culture orientali”, continua Sikka.
“Anche se raramente è stato misurato direttamente in studi di benessere, in diverse tradizioni filosofiche e approcci spirituali, la pace della mente è sempre stata considerata centrale per la fioritura umana”, aggiunge il coautore Antti Revonsuo, professore di psicologia presso l’Università di Turku e professore di neuroscienze cognitive all’Università di Skövde.
I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti sani di compilare un questionario che misurava il loro stato di agitazione e il loro benessere. Poi, durante le seguenti tre settimane, i partecipanti hanno tenuto un diario dei sogni giornaliero in cui, ogni mattina al risveglio, hanno riferito tutti i loro sogni e valutato le emozioni che hanno vissuto in quei sogni.
I risultati hanno mostrato che gli individui con livelli più elevati di tranquillità mentale hanno riferito più emozioni oniriche positive, mentre quelli con livelli più elevati di ansia hanno riferito più emozioni da sogno negative.
“Questi risultati mostrano che se vogliamo capire in che modo il contenuto del sogno è collegato al risveglio del benessere, non è sufficiente misurare solo i sintomi del malessere mentale, ma dovremmo misurare il benessere a pieno titolo. Sorprendentemente, quegli aspetti che sono generalmente considerati e misurati come “benessere” non erano correlati al contenuto del sogno. Quindi sembra esserci qualcosa di unico nella pace mentale e nell’ansia”, spiega ancora Sikka.
I ricercatori suggeriscono che gli individui con livelli più elevati di tranquillità possono essere in grado meglio di regolare le loro emozioni non solo nello stato di veglia ma anche durante il sogno, mentre il contrario potrebbe essere vero per quelli con livelli più elevati di ansia.
“Negli studi futuri dovremmo esplorare se una migliore capacità di regolazione delle emozioni e l’autocontrollo in generale sono davvero qualcosa che caratterizza le persone con livelli più elevati di tranquillità mentale, e se il miglioramento di tali abilità può anche portare a una maggiore tranquillità”, conclude
Sikka.

Nell’amigdala i neuroni che inibiscono le risposte difensive a stimoli non potenzialmente pericolosi

Individuati nell’amigdala i neuroni che inibiscono le risposte difensive a stimoli non potenzialmente pericolosi. Lo studio del team del prof. Benedetto Sacchetti dell’Università di Torino – INN ha importanti risvolti per capire i meccanismi cerebrali coinvolti nei disturbi d’ansia e … Per saperne di più