Tag Archives: anemia

Una dichiarazione di consenso internazionale sulla gestione dell’anemia postoperatoria raccomanda la misurazione dell’emoglobina con il sistema Masimo SpHb

Masimo ha reso noto che una nuova dichiarazione di consenso sulla gestione postoperatoria dell’anemia è stata pubblicata sulla rivista Anaesthesia da un gruppo internazionale di medici specializzati nella gestione del sangue dei pazienti, contenente chiare indicazioni sull’uso e sui vantaggi della misurazione non invasiva dell’emoglobina.1 La dichiarazione, che analizza sia la misurazione continua che i controlli estemporanei, cita come esempio di misurazione non invasiva Masimo Rad-67 Pulse CO-Oximeter, il dispositivo per controlli estemporanei che misura in modo non invasivo l’emoglobina usando il sistema Masimo SpHb.
La dichiarazione osserva in parte che “L’uso di dispositivi di monitoraggio dell’emoglobina continua non invasivi anziché flebotomia può ridurre la perdita di sangue, il dolore e il disagio per il paziente, ma le preoccupazioni relative all’utilizzo clinico di routine del limite di precisione. Sebbene il dibattito si concentri sulla precisione di un singolo controllo, l’affidabilità dei dispositivi di monitoraggio dell’emoglobina non invasiva per cambiamenti dinamici nel tempo può consentire il rilevamento di emorragia occulta e risposta alla terapia.”
Oltre a questa nuova dichiarazione di consenso, SpHb ha recentemente ricevuto un riconoscimento positivo da altre due rispettabili istituzioni nella comunità europea di anestesiologia. Entrambe le linee guida 2017 dell’American Society of Anaesthesiology per la gestione del grave sanguinamento perioperatorio2 e le linee guida del Programma di gestione del sangue italiano del Ministero della Salute del 2017 includevano Sphb non invasivo e continuo come strumento raccomandato per monitorare l’emoglobina. Nello specifico, le linee guida ESA hanno fornito una forte raccomandazione che “il monitoraggio continuo dell’emoglobina può essere utilizzato come monitor di tendenza”.
SpHb è disponibile su una varietà di dispositivi Masimo non invasivi di controllo spot e di monitoraggio continuo, sia portatili che da comodino, nonché tramite dispositivi di terze parti autorizzati. Per il monitoraggio continuo, questi includono Masimo Rad-97, Radical-7 e Radius-7. Il monitoraggio non invasivo e continuo dell’emoglobina aiuta ad automatizzare lo stato di emoglobina del paziente e fornisce visibilità in tempo reale sui cambiamenti nell’emoglobina tra campioni di sangue invasivo. Per la misurazione SpHb spot-check, Masimo Pronto è disponibile in aggiunta a Rad-67. SpHb di nuova generazione, disponibile su questi dispositivi al di fuori degli Stati Uniti, migliora in modo significativo il controllo spot dell’emoglobina non invasiva con una migliore tolleranza del movimento, un tempo più veloce per visualizzare i risultati SpHb e prestazioni sul campo migliorate in intervalli di emoglobina bassi.
Joe Kiani, fondatore e CEO di Masimo, ha dichiarato: “Siamo lieti di vedere il crescente riconoscimento, da parte di alcuni dei più rinomati clinici, istituzioni e organismi di consulenza del mondo, dell’utilità e dei vantaggi della nostra tecnologia di misurazione dell’emoglobina non invasiva. Studi su tre continenti hanno dimostrato che il monitoraggio continuo di SpHb ottimizza la trasfusione di sangue e in uno studio con oltre 3.000 pazienti, SpHb e PVi continui hanno dimostrato di ridurre la mortalità a 30 e 90 giorni dall’intervento. Mai contenti, continuiamo a perfezionare e migliorare SpHb e PVi e non vediamo l’ora di portare presto i vantaggi di Next Generation SpHb a mercati e dispositivi aggiuntivi”.