Tag Archives: analisi

Medtronic presenta i dati quinquennali IN.PACT SFA Trial e l’analisi totale di tutti i soggetti IN.PACT nelle sperimentazioni cliniche VIVA Late Breaking

I dati di Medtronic presentati rafforzano la durabilità, la sicurezza e l’efficacia del palloncino rivestito di farmaco dell’ammiraglio IN.PACT  Admiral in pazienti con malattia delle arterie periferiche nelle arterie del femore superficiale e popliteo. I risultati quinquennali e finali del fondamentale trial IN.PACT SFA e i risultati di tutti i soggetti di un anno dall’analisi aggregata Total IN.PACT sono stati presentati in due presentazioni cliniche tardive al Vascular Interventional Advances 2018 conferenza a Las Vegas.
“Dall’ingresso dei DCB sul mercato diversi anni fa, abbiamo assistito a uno spostamento verso l’uso di questa tecnologia come terapia di prima linea per il trattamento di pazienti con PAD”, ha dichiarato Mark Pacyna, vicepresidente e direttore generale del business Periferiche nel Medtronic Cardiac & Vascular Group. “Questo è particolarmente vero per IN.PACT Admiral DCB, che ha dimostrato di essere una delle terapie più sicure, efficaci e durature nel trattamento dei pazienti attraverso lo spettro della malattia femorale-popliteo. Siamo orgogliosi di essere diventati la prima azienda condividere i dati quinquennali su un DCB disponibile in commercio e il primo a presentare i risultati della più ampia analisi aggregata nello spazio periferico fino ad oggi. Riteniamo che questa nuova prova fornirà ai medici la certezza che l’ADMAL INBPAL DCB è il preferito terapia di prima linea per i pazienti che soffrono di malattia femoro-popliteo “.
Il Dr. John Laird, direttore medico dell’Adventist Heart and Vascular Institute e co-principale investigatore del trial IN.PACT SFA ha presentato i primi esiti clinici quinquennali per un DCB disponibile in commercio, dimostrando ulteriormente la durabilità, la sicurezza e l’efficacia di IN.PACT Admiral DCB in pazienti con PAD.
Utilizzando l’analisi di sopravvivenza time-to-event, IN.PACT Admiral DCB ha continuato a sovraperformare il braccio di controllo della angioplastica transluminale percutanea in libertà dalla rivascolarizzazione della lesione target clinicamente guidata durante il periodo di follow-up di cinque anni. La stima di Kaplan-Meier era del 74,5% nel gruppo DCB rispetto a 65,3 nel gruppo PTA. I dati hanno anche mostrato i benefici sulla sicurezza a lungo termine dell’ammiraglio IN.PACT, con bassi tassi di amputazione dell’arto bersaglio maggiore e trombosi nel braccio AD.PACT Admiral DCB e nessun dispositivo o procedura correlata morti per cinque anni in entrambe le armi IN.PACT Admiral DCB e PTA.
“Con i dati presentati su VIVA, continuiamo a vedere un beneficio clinico sostenuto dell’ammiraglio IN.PACT con tre quarti di pazienti DCB nello studio che non richiedono una reintervento per cinque anni”, ha affermato il dott. Laird. “Questo è davvero notevole considerando la complessità e la natura progressiva della PAD. Per questi pazienti, significa che stiamo fornendo loro una soluzione duratura e duratura che riduce la necessità di reinterventi frequenti, portando a un potenziale miglioramento della loro qualità di vita “.
Il dott. Mehdi Shishehbor, direttore dell’Istituto Heart and Vascular, University Hospitals, Cleveland Medical Center, ha presentato i dati di un anno di tutti i soggetti dall’analisi cumulativa Total IN.PACT – il più grande collettivo, indipendentemente serie DCB aggiudicata fino ad oggi. I dati hanno dimostrato che IN.PACT Admiral DCB ha dimostrato una sicurezza e una libertà costantemente superiori rispetto alla rivascolarizzazione della lesione target clinicamente guidata rispetto alla PTA standard da sola.
L’analisi di tutti i soggetti ha valutato tutti i 1837 soggetti DCB e 143 PTA di tutti i programmi clinici dell’ammiraglio IN.PACT, tra cui gli studi IN.PACT SFA, IN.PACT Global, IN.PACT SFA Japan e IN.PACT SFA China. I risultati hanno mostrato che IN.PACT Admiral DCB ha sovraperformato il braccio di controllo PTA in libertà dal CD-TLR con una stima di Kaplan-Meier del 93,8% nel gruppo DCB rispetto all’80,2% del gruppo PTA. Ulteriori effetti sulla sicurezza e sull’efficacia del braccio DCB includevano anche bassi tassi di trombosi, amputazione dell’arto bersaglio maggiore e mortalità per tutte le cause attraverso un anno in una grande popolazione di pazienti PAD.
“Con Total IN.PACT, siamo in grado di dimostrare che IN.PACT Admiral è il primo DCB a dimostrare un’efficacia forte e costante nelle lesioni fino a 360 mm”, ha affermato il dott. Shishehbor. “I dati dell’analisi di tutti i soggetti confermano inoltre la massima sicurezza e la libertà dal tasso di reintervento dell’ammiraglio DCB di IN.PACT ad un anno, offrendo allo stesso tempo importanti informazioni per aiutare a migliorare le decisioni terapeutiche Questi dati di un anno, combinati con i dati quinquennali presentato anche oggi, offre ai medici maggiore fiducia nell’uso dell’ammiraglio DCB IN.PACT come terapia primaria rispetto a PTA.”

Due nuove apparecchiature DCA per la misurazione del livello di zucchero nel sangue arrivano all’Ospedale di Parma

Due apparecchiature DCA di estrema precisione per la misurazione del livello di zucchero nel sangue arrivano al centro diabetologico pediatrico e a quello per gli adulti dell’Azienda ospedaliero- universitaria di Parma, grazie all’Associazione Giovani Diabetici. Le elevate prestazioni delle apparecchiature, … Per saperne di più

Inaugurato il Laboratorio di microscopia elettronica e microanalisi dell’Università di Pisa

È stato inaugurato negli scorsi giorni il Laboratorio di microscopia elettronica e microanalisi dell’Università di Pisa, acquisito dal Centro Interdipartimentale di Scienza e Ingegneria dei Materiali grazie al cofinanziamento dell’Ateneo nell’ambito del progetto “Grandi attrezzature scientifiche 2015”. Il Laboratorio è … Per saperne di più