Smith & Nephew annuncia il lancio europeo di MolecuLight i:X

Print Friendly, PDF & Email

Smith & Nephew ha annunciato il lancio europeo di MolecuLight i:X, il dispositivo di imaging portatile a fluorescenza facile da usare che misura istantaneamente la superficie della ferita e visualizza la presenza e la diffusione di batteri potenzialmente dannosi nelle ferite.
Attualmente le ferite vengono esaminate a occhio nudo, un metodo che può mancare della precisione richiesta per guidare le decisioni nel modo più efficace. Grazie al principio della fluorescenza, MolecuLight i:X visualizza in modo facile, rapido e sicuro batteri potenzialmente dannosi in ferite che possono altrimenti non presentare segni o sintomi di infezione. Il dispositivo aiuta il medico a scegliere la terapia giusta al momento giusto per il proprio paziente può aiutare a guidare il prelievo di un campione e la detersione della ferita, monitorare il progresso della ferita, migliorare il coinvolgimento del paziente e semplificare la raccolta di dati sulla ferita.
I dati clinici provenienti da valutazioni delle ferite dimostrano che l’integrazione di MolecuLight i:X nei protocolli terapeutici standard ha consentito di prendere decisioni mediche più obiettive, portato a una guarigione fino a 9 volte più rapida1 e a migliorare l’accuratezza dei tamponi del 54%.7
“MolecuLight i:X consente ai professionisti sanitari di vedere ciò che non sono mai riusciti a vedere prima”, ha spiegato Paolo Di Vincenzo, Senior Vicepresident, Global Marketing, Divisione Wound Care, presso Smith & Nephew. “Siamo fieri di collaborare con MolecuLight Inc. e portare questa tecnologia innovativa ai nostri clienti. Rappresenta un complemento importante per la nostra gamma di prodotti avanzati per la cura delle ferite e crediamo che sia destinato ad avviare una rivoluzione nella pratica clinica della cura delle ferite”.
“Per la prima volta, i medici possono prelevare un campione per l’analisi microbiologica dalla ferita – per determinare la presenza o meno di batteri – e detergere in modo più efficace una ferita visualizzando la carica batterica con la fluorescenza. Questi sono aspetti fondamentali della cura giornaliera delle ferite che sono rimasti subottimali per troppo tempo, fino ad oggi”, è stato il commento del Dr. Ralph DaCosta, fondatore, dirigente scientifico e direttore di MolecuLight Inc.
Secondo le stime, le persone che convivono con una ferita cronica in Europa sono 2 milioni, mentre il 16% di tutte le ferite croniche rimangono aperte dopo un anno o più.
“MolecuLight i:X non ha solo trasformato i processi decisionali nel mio reparto in termini di maggiore attenzione al campionamento e alla detersione e al miglioramento di prassi antimicrobiche, ma è stato anche entusiasmante vedere il vantaggio per i pazienti”, ha aggiunto Rosemary Hill*, Canadian Wound Ostomy Continence Nurse Clinician, Lions Gate Hospital, Vancouver. “Riuscendo a coinvolgere i pazienti nella guarigione della loro ferita e mostrando loro immagini in tempo reale, possiamo ridurre l’ansia e rassicurarli sulla riduzione della presenza di batteri”.
Il dispositivo di imaging MolecuLight i:X è approvato da Health Canada e ha il marchio CE per la vendita nell’Unione Europea. Il dispositivo di imaging MolecuLight i:X non è disponibile negli Stati Uniti.

Share Button