zip-delivery

In Ruanda i farmaci urgenti arrivano coi droni

Print Friendly, PDF & Email

Il Presidente del Ruanda Paul Kagame ha lanciato il primo servizio nazionale di consegna via droni al mondo. Il governo del Paese africano inizierà a utilizzare i droni per effettuare, su richiesta, fino a 150 consegne di emergenza al giorno di sacche di sangue salvavita a 21 centri di trasfusione situati nella parte occidentale del Paese.
I droni e il servizio di consegna sono sviluppati e gestiti da Zipline, azienda californiana specializzata in robotica. Il servizio di consegna via droni in Ruanda, inizialmente dedicato alla consegna di sacche di sangue, sarà presto esteso a diversi tipi di farmaci e vaccini salvavita grazie ad una partnership internazionale tra UPS, GAVI Alliance (l’Alleanza internazionale per i vaccini e le immunizzazioni) e Zipline.
Nei Paesi in via di sviluppo l’accesso ai prodotti medicali salvavita ed essenziali è reso difficile dal problema del cosiddetto “ultimo miglio”, ovvero l’incapacità di consegnare le cure mediche necessarie da una città alle aree rurali o remote a causa della carenza di adeguate infrastrutture di trasporto, comunicazione e logistica.
In Ruanda, l’emorragia post-parto è la prima causa di mortalità materna. Il sangue deperisce rapidamente, per cui deve essere conservato e trasportato a temperature idonee. Poiché i prodotti ematici disponibili sono diversi ed è impossibile predire con esattezza il fabbisogno futuro, molti centri trasfusionali non tengono in sede tutto il sangue che potrebbe servire.
Durante la lunga stagione delle piogge ruandese molte strade sono soggette ad allagamenti che le rendono impercorribili o praticamente inesistenti. Troppo spesso, quindi, i pazienti che avrebbero bisogno di trasfusioni salvavita non hanno accesso al sangue che servirebbe loro per sopravvivere.
Il programma nazionale di consegne via droni del Ruanda consente ai centri trasfusionali dell’area occidentale del Paese di effettuare ordini di emergenza via SMS. Questi ordini raggiungono la sede di Zipline nota come “Nest”, situata nella regione di Muhanga, dove l’azienda ha una flotta di 15 droni chiamati Zip.
Ogni Zip è in grado di effettuare un viaggio di andata e ritorno di 150 km, anche in condizioni di vento e pioggia, e di trasportare 1,5 kg di sangue, un quantitativo sufficiente a salvare la vita di una persona. Gli Zip decollano e atterrano dal “Nest” ed effettuano le consegne avvicinandosi al suolo e lasciando cadere i farmaci in un luogo designato o “mailbox” vicino ai centri che ne hanno fatto richiesta. Zipline effettuerà 50-150 voli di droni al giorno per consegne di emergenza verso 21 centri trasfusionali dislocati nella parte occidentale del Ruanda, riuscendo ad evadere gli ordini nel giro di 30 minuti circa.
Il Ruanda prevede di estendere il servizio di consegna con i droni di Zipline alla regione orientale del Paese all’inizio del 2017, garantendo quindi l’accesso alla consegna istantanea di farmaci salvavita agli 11 milioni di abitanti.
“L’incapacità di consegnare i medicinali salvavita alle persone che ne hanno più bisogno è la principale causa di milioni di decessi evitabili all’anno in tutto il mondo. Zipline contribuirà a risolvere definitivamente questo problema”, ha commentato Keller Rinaudo, CEO di Zipline. “Abbiamo creato un sistema di consegna istantaneo internazionale che, su richiesta, consente di consegnare ovunque farmaci a costi contenuti”.
Si stima che la partnership commerciale tra il Ruanda e Zipline salverà migliaia di vite umane nei prossimi tre anni. Questo impegno sancisce il ruolo guida assunto dal Ruanda nell’utilizzo di una tecnologia innovativa per ovviare all’assenza di infrastrutture stradali e garantire l’accesso a servizi sanitari all’avanguardia ai suoi 11 milioni di abitanti.
Il progetto ruandese è sostenuto da una partnership internazionale tra Zipline, UPS e GAVI Alliance. Grazie ad una sovvenzione di 1,1 milioni di dollari da parte di The UPS Foundation, la partnership analizzerà il sistema di consegne di sacche di sangue via droni in Ruanda nell’ottica di aiutare il Paese ad estendere rapidamente il servizio ad altri tipi di farmaci e vaccini salvavita.
Facendo leva sulla lunga esperienza di UPS in fatto di logistica e supply chain a livello globale, sulle profonde conoscenze di GAVI in tema di sanità e vaccini e sull’innovativa tecnologia per consegne all'”ultimo miglio” sviluppata da Zipline, la partnership auspica di utilizzare il know-how messo a punto in Ruanda ed esportarlo in tutto il mondo.
“I droni hanno il potenziale per rivoluzionare la fornitura urgente di farmaci nelle comunità più remote. Le ore che questa tecnologia consente di risparmiare nella consegna di vaccini o prodotti ematici a persone che hanno contratto la rabbia, per esempio, può fare la differenza nella lotta tra la vita e la morte” sostiene il Dott. Seth Berkley, CEO di GAVI Alliance. “Il progetto sarà inoltre un test importante per capire se quella dei droni sia una strada effettivamente percorribile per migliorare la consegna mirata di vaccini in tutto il mondo. Tutti i bambini hanno diritto alla somministrazione dei vaccini salvavita essenziali e questa tecnologia potrebbe rappresentare un importante passo in avanti in questo senso”.

Share Button