Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Bristol-Myers Squibb Company ha annunciato i risultati di follow-up quinquennali dello studio di Fase 3 CheckMate -025, che continuano a dimostrare che il trattamento con Opdivo offre una sopravvivenza globale superiore e una risposta obiettiva tassi nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato o metastatico precedentemente trattato rispetto a quelli trattati con everolimus. I dati saranno presentati sabato 15 febbraio all’American Society of Clinical Oncology 2020 Symposium Cancro genito-urinario a San Francisco.
Con un follow-up minimo esteso di 64 mesi, i pazienti trattati con Opdivo continuano a dimostrare benefici per l’OS con il 26% dei pazienti vivi rispetto al 18% dei pazienti trattati con everolimus. Inoltre, la percentuale di pazienti con una risposta obiettiva era del 23% per Opdivo contro il 4% per everolimus e la durata mediana della risposta per Opdivo è stata mantenuta più a lungo rispetto a everolimus. Il profilo di sicurezza globale era coerente con quello osservato nelle analisi precedentemente riportate da CheckMate -025 in pazienti con carcinoma renale. Nessun nuovo segnale di sicurezza o decesso per droga si è verificato con un follow-up esteso.
“I risultati di sopravvivenza a cinque anni dallo studio CheckMate -025, insieme ai tassi di risposta in corso osservati nello studio, evidenziano il potenziale per la sopravvivenza a lungo termine e l’efficacia della monoterapia con nivolumab per i pazienti con RCC avanzato precedentemente trattato”, ha affermato il ricercatore capo Robert J. Motzer, Responsabile della sezione sul cancro del rene, Memorial Sloan Kettering Cancer Center. “Questi dati rappresentano il follow-up più lungo per un inibitore del checkpoint immunitario PD-1 in questo contesto e sottolineano il potenziale aumento dei tassi di sopravvivenza che nivolumab può offrire per i pazienti con carcinoma renale avanzato che hanno ricevuto una precedente terapia antiangiogenica.”
“I risultati aggiornati di CheckMate -025 supportano il motivo per cui la monoterapia con Opdivo è diventata uno standard di cura per i pazienti RCC precedentemente trattati in tutto il mondo e offrono ulteriori prove del fatto che il trattamento con Opdivo ha il potenziale per aiutare i pazienti a vivere più a lungo”, ha affermato Brian Lamon, sviluppo piombo, tumori genito-urinari, Bristol-Myers Squibb. “Questo studio rappresenta progressi entusiasmanti nella nostra missione per migliorare i risultati di sopravvivenza per tutti i pazienti.”

Share Button