Primo impianto di “Neovasc Reducer” all’Ospedale San Biagio di Domodossola

Print Friendly, PDF & Email

Su un paziente ricoverato dal 21 al 23 novembre per il permanere dei disturbi con episodi anginosi anche pluriquotidiani e con caratteristiche invalidanti, il Direttore della SOC Cardiologia Dott. Alessadro Lupi con la sua équipe di Cardiologia Interventistica dell’Ospedale San Biagio di Domodossola ha eseguito un impianto di “Neovasc Reducer”, un dispositivo elettronico di nuovissima concezione per il trattamento dell’angina non più rivascolarizzabile con procedure meccaniche e refrattaria alla terapia medica massimale.
Questo device produce una stenosi controllata del seno coronarico, rendendo più efficiente la distribuzione del flusso coronarico al muscolo cardiaco e promuovendo la produzione di nuovi microvasi tissutali.
L’impianto è stato eseguito con accesso vascolare giugulare con una quantità estremamente modesta di mezzo di contrasto angiografico; il Reducer è stato posizionato nel seno coronarico del paziente senza complicanze e con risultato angiografico finale ottimale.
Il paziente è stato dimesso in ottime condizioni di salute il giorno successivo all’impianto e attualmente riferisce netto miglioramento dei disturbi con ripresa piena delle attività quotidiane prima limitate dai sintomi anginosi.

Nessun articolo correlato
Share Button