A Potenza un intervento di cistectomia radicale con il robot

Print Friendly, PDF & Email

Primo intervento di cistectomia totale con il robot DaVinci su una donna lucana di 56. L’Urologia del S. Carlo tra le prime in Italia ad applicare questa tecnica mininvasiva.
Continua il percorso verso l’eccellenza in chirurgia robotica al San Carlo. Eseguito dall’equipe di Urologia, diretta dal facente funzione Vincenzo Lorusso, un complesso e innovativo intervento di cistectomia radicale robotica per un tumore infiltrante della vescica in una donna lucana di 56 anni.
L’intervento è stato eseguito da Roberto Falabella, per la prima volta in Basilicata e tra i primi in assoluto in Italia.
La cistectomia radicale, specie nella donna, rappresenta l’intevento più complesso e demolitivo in Urologia, l’averlo eseguito con tecnica robotica ha permesso di garantire una completa radicalità oncologica con un approccio mininvasivo.
La paziente non ha incisioni cutanee perche tutto è stato eseguito mediante 6 fori cutanei, pertanto si sono notevolmente ridotti i tempi di ripresa della paziente, dimessa in ottime condizioni 5 giorni dopo la procedura invece dei 15-20 della procedura tradizionale. Non sono state eseguite trasfusioni di sangue e il dolore postoperatorio è stato pressochè azzerato.
Il notevole successo della procedura non sarebbe stato possibile senza la collaborazione dell’equipe anestesiologica, nella persona di Concettina Lambiase, dell’aiuto in sala operatoria e in reparto dei colleghi urologi, Lioi, Abate, Ponti, Vita, del personale infermieristico della sala operatoria e del reparto.

Share Button