A Pisa il Festival internazionale della robotica

Print Friendly, PDF & Email

L’Aoup di Pisa e i suoi professionisti saranno protagonisti della settimana di Festival che si tiene a Pisa per la prima volta, dal 7 al 13 settembre, organizzato dal professor Franco Mosca, presidente della Fondazione Arpa e da una serie di altri entri di ricerca e istituzioni, e che richiamerà in città i massimi esperti a livello mondiale di tutte le branche scientifiche e delle attività umane connesse con la tecnologia robotica, senza tralasciare l’arte e la musica.
L’Aoup offrirà il suo contributo già in apertura, il 7 e l’8 settembre, con il convegno di due giorni “Luci in Aritmologia e nell’innovazione tecnologica”, tradizionale appuntamento annuale organizzato dalla dottoressa Maria Grazia Bongiorni e dal suo staff, in cui si terrà il consueto workshop internazionale sull’estrazione degli elettrocateteri cardiaci e verranno affrontati tutti gli aspetti e le problematiche dei disturbi del ritmo cardiaco, alla luce delle più innovative acquisizioni cliniche e terapeutiche, che fanno di Pisa un centro di riferimento internazionale. Ampio spazio verrà riservato alla presentazione di casi clinici e alla formazione chirurghi; verrà replicata la gara d’interpretazione di tracciati elettrocardiografici con premi ai giovani cardiologi e si terrà anche l’Award “Vera Srebot 2017”, in memoria della giovane professionista prematuramente scomparsa qualche anno fa, che verrà assegnato al caso clinico più interessante dalla giuria selezionata.
Ancora l’8 settembre il convegno “Robotics and Emotions” che mira a riunire i principali scienziati accademici, ricercatori e studiosi per scambiare e condividere le loro esperienze e i risultati delle loro ricerche a cavallo tra le neuroscienze e la robotica, con un particolare focus sulla sfera emotiva. Gli argomenti trattati variano dalla capacità dei robot di esprimere emozioni, all’interazione emotiva tra esseri umani e robot, alle reazioni emotive gradevoli e inquietanti che gli androidi possono innescare. Per l’Aoup partecipano il professor Ferdinando Sartucci e il dottor Ugo Faraguna.
Sempre venerdì 8 e sabato 9, l’Aoup ancora protagonista con due Giornate di sanità – Robotic Surgery, coordinate dalla professoressa Franca Melfi, direttore del Centro multi-specialistico di Chirurgia robotica dell’Azienda. La prima giornata sarà dedicata ai cambiamenti, alle innintervento chirurgia ginecologica_r.JPGovazioni e alla diffusione della robotica in medicina con esperti nelle varie specialistiche provenienti da tutto il mondo come L. Wiley Nifong, direttore del Centro di chirurgia robotica per la formazione dell’East Carolina Heart Institute, il centro più importante al mondo per il training robotico in cardiochirurgia; Pier Cristoforo Giulianotti, italiano a capo della divisione di Chirurgia robotica dell’Università di Chicago, tra i primi chirurghi al mondo ad aver adottato la tecnica robotica; Bernard Park del Memorial Sloan Kettering di New York, eccellenza mondiale nel campo della chirurgia toracica oncologica; W. Youn Chung, coreano, primo al modo ad aver messo a punto una nuova tecnica robotica per la chirurgia tiroidea; Sir Alfred Cuschieri, direttore dell’ImsaT- Institute for Medical Science and Technology in Scozia, uno dei pionieri della chirurgia laparoscopica nonché professore di Chirurgia alla Scuola Superiore di studi e perfezionamento Sant’Anna. La seconda giornata sarà invece dedicata all’incontro fra gli esperti di calibro internazionale e le eccellenze italiane e toscane nelle varie specialistiche. Conclusioni affidate al direttore amministrativo dell’Aoup, Carlo Milli, sulle implicazioni economiche della Robotica medica per un ospedale di alta specialità.
Ancora il 9 settembre, agli Arsenali Repubblicani, si terrà il convegno dal titolo: “Live-surgery: sospensione laterale degli organi pelvici robot-assistita”, cui seguirà la tavola rotonda di esperti sull’evoluzione della tecnica chirurgica nel tempo: “Puccini e gli altri: gran galà lirico” con Orchestra Filarmonica Lucca, Coro dell’Università di Pisa, Celtic Harp Orchestra. Presenta l’attore pisano Renato Raimo.
Qualche ora prima, al Teatro Verdi, cocktail di benvenuto e concerto pucciniano in Sala Titta Ruffo, per inaugurare la prima delle Giornate organizzate da Endocas e intitolate: “Attuali e future metodiche di insegnamento in chirurgia: quale il ruolo della simulazione?”. Il 10 settembre, infatti, al Polo Carmignani – co-presidente il professor Luca Morelli, presidente onorario il professor Franco Mosca – ci sarà la prima giornata, con l’apertura affidata al Rettore dell’Università di Pisa Paolo Mancarella e al direttore generale dell’Aoup Carlo Rinaldo TomNuovo da Vinci Xi.jpgassini, con sessioni di simulazioni e training in chirurgia e la seconda parte riservata alla formazione chirurgica: attualità, tecnologia e prospettive, con lettura magistrale di Sir Alfred Cuschieri, relatori e moderatori anche professionisti dell’Aoup e di Endocas. L’11 settembre si conclude il ciclo di queste Giornate agli Arsenali Repubblicani con la mattinata dedicata alle dimostrazioni pratiche sui simulatori, in esercitazioni a piccoli gruppi.
Sempre il 10 settembre, dalle 9 alle 18 spazio al convegno “Sport e Handicap”, di cui è referente il professor Marco Gesi, con il rettore Paolo Mancarella, il professor Mario Petrini e il dottor Antonio Cambi nel comitato scientifico. Partecipa, per l’Aoup, la dottoressa Giulia Stampacchia con relazione su “Robotica, riabilitazione e sport: nuove sfide per le persone con esito di lesioni neurologiche”. L’evento, cui intervengono personalità di rilievo del mondo dello sport nazionale e delle istituzioni scientifiche, si concluderà con incontri dimostrativi di scherma con atleti normodotati e paralimpici.
Il 12 settembre, ancora agli Arsenali repubblicani, si terrà il convegno dal titolo: “Le tecnologie nella cooperazione umanitaria” di cui è referente il professor Mosca. Interverrà anche il professor Davide Caramella sul contributo di Pisa al progetto Sant’Egidio-Dream mentre la dottoressa Mojgan Azadegan illustrerà la cooperazione umanitaria nella Regione Toscana.
Infine, l’Aoup sarà ancora protagonista in ultima giornata, il 13 settembre, con il “Cult Meeting 2017 – Cardiac Intervention under the leaning tower”, organizzato dalla professoressa Anna Sonia Petronio e il contributo di numerosi professionisti pisani. Il convegno, dal titolo: “Tecnologie trans-catetere per valvola mitrale e tricuspide”, illustrerà i criteri di selezione dei pazienti per le procedure interventistiche sulle valvole mitrale e tricuspide, la scelta e l’interpretazione delle modalità di imaging per la valutazione pre-procedurale e le tecniche di imaging per la guida intra-procedurale. Il corso si propone inoltre di facilitare l’interazione tra cardiologi interventisti, ecocardiografisti e radiologi interventisti.
Sempre il 13 settembre, agli Arsenali Repubblicani ci sarà il convegno: “Turismo e disabilità: importanza delle tecnologie” di cui è referente il professor Mosca e con numerosi professionisti di Aoup-Unipi nel comitato organizzatore.
Per tutta la durata del Festival, agli Arsenali Medicei, dalle 10 alle 18.30, saranno in esposizione i più utilizzati sistemi di chirurgia robotica a uso clinico e i rispettivi simulatori. Si va dal robot da Vinci di Intuitive Surgical, impiegato in chirurgia generale e dei trapianti, urologia, ginecologia, chirurgia toracica e otorinolaringoiatria, ai sistemi Mako per chirurgia del ginocchio e dell’anca, al Renaissance di Mazor per la chirurgia spinale, ai sistemi di navigazione probot_sala.jpger chirurgia di Masmec ed al sistema per microchirurgia di MMI. Per i simulatori chirurgici saranno presenti i più avanzati simulatori per chirurgia robotica, chirurgia laparoscopica e chirurgia endovascolare. Le prove saranno supervisionate da tutor esperti nel settore della simulazione e formazione in chirurgia.

Share Button