Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Royal Philips ha annunciato di aver ricevuto l’autorizzazione 510 (k) dalla Food and Drug Administration statunitense per il suo biosensore indossabile per aiutare gestire pazienti COVID-19 confermati e sospetti in ospedale. Il biosensore wireless indossabile di prossima generazione migliora la sorveglianza clinica nella soluzione di rilevamento del deterioramento dei pazienti Philips per aiutare i medici a rilevare i rischi in modo che possano intervenire prima e aiutare a migliorare l’assistenza ai pazienti nelle aree di assistenza per le malattie acute. La soluzione ha già ricevuto il marchio CE ed è attualmente in uso con la prima installazione presso l’ospedale OLVG nei Paesi Bassi per aiutare a gestire il triage e la sorveglianza clinica dei pazienti COVID-19.
Il Biosensor BX100 di Philips è progettato per indirizzare un nuovo approccio alla misurazione dei segni vitali, supportando la sorveglianza dei pazienti con acuità più elevata che si spostano da unità di terapia intensiva in aree di assistenza generale a bassa acuità di un ospedale. Il biosensore monouso leggero è un cerotto indossabile monouso di 5 giorni che può essere integrato con un hub scalabile per monitorare più pazienti in più stanze. Costruito per integrarsi nei flussi di lavoro clinici esistenti per la visualizzazione e le notifiche mobili, il dispositivo non richiede pulizia o ricarica. Il biosensore wireless indossabile per uso medico, destinato all’uso da parte di operatori sanitari su pazienti di età pari o superiore a 18 anni, aderisce con discrezione al torace per raccogliere, conservare, misurare e trasmettere la frequenza respiratoria e la frequenza cardiaca ogni minuto: i due principali predittori di deterioramento – nonché parametri contestuali quali postura, livello di attività e deambulazione.
OLVG, un ospedale di riferimento e di formazione di alto livello nei Paesi Bassi, sta rispondendo alla situazione di emergenza COVID-19 monitorando da remoto i pazienti in stanze di isolamento diagnosticate o sospettate di COVID, ma non necessitano di ventilazione. Per soddisfare la necessità dell’ospedale di supportare i pazienti COVID-19 in isolamento, OLVG ha implementato la soluzione di rilevamento del deterioramento dei pazienti Philips composta da software di analisi intelligente basato sui dati per la valutazione precoce degli allarmi, monitor avanzati per i pazienti e Philips Sensori indossabili Biosensor BX100.

“Durante questo periodo senza precedenti di COVID-19, il Biosensor BX100 di Philips aiuta a fornire un rapido dispiegamento per la sorveglianza clinica per aiutare a ridurre il rischio di esposizione degli operatori sanitari mentre acquisisce frequentemente pazienti vitali e facilita la domanda di dispositivi di protezione individuale”, ha dichiarato Peter Ziese, General Manager Monitoring and Analytics presso Philips. “Il biosensore è parte integrante della nostra soluzione di rilevamento del deterioramento del paziente che aiuta a identificare i sottili segni di deterioramento delle condizioni del paziente nel punto di cura, poche ore prima che si verifichi un potenziale evento avverso.”

“Con l’aiuto di questo nuovo biosensore, possiamo monitorare continuamente e da remoto i pazienti, il che è particolarmente importante nei reparti COVID-19”, ha affermato Florian van der Hunnik, Chief Nursing Information Officer e team leader del reparto COVID-19 di OLVG Ospedale di Amsterdam. “Poiché non possiamo entrare e uscire dalle stanze dei pazienti senza dispositivi di protezione, accogliamo con favore questa innovazione in quanto aiuta a migliorare il modo in cui possiamo fare meglio il nostro lavoro.”

Il biosensore indossabile di nuova generazione Philips fa parte del portafoglio completo di soluzioni Philips per affrontare il deterioramento dei pazienti, supportando l’assistenza generale in tutto il mondo con un’intelligenza clinica intelligente. Per ulteriori informazioni su come Philips sta affrontando il Coronavirus a livello globale, visitare l’hub centralizzato Philips COVID-19.

Share Button