Pelle, realizzata la prima stampante 3D

Print Friendly, PDF & Email

La prima stampante 3D per pelle umana da oggi è realtà. Il nuovo dispositivo, realizzato da José Luis Jocano dell’Università Carlo III di Madrid, produce in tempi rapidi e a basso costo tessuti destinati ai trapianti e alle sperimentazioni di farmaci, sostanze chimiche e cosmetici. La notizia è stata pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista Biofabrication. Il dispositivo è in grado di stampare lembi quadrati di epidermide dal lato di 10 centimetri in appena 35 minuti. Uguale a una normale stampante 3D, che realizza oggetti sovrapponendo sottili strati di materiale, questo nuovo modello stampa tessuti molto simili alla pelle umana. Al posto del normale “inchiostro”, prodotto da materiali plastici, la biostampante sovrappone strati di plasma e cellule ottenute tramite biopsia, fatte moltiplicare in provetta. Il dispositivo replica la struttura della pelle con uno strato più esterno, per difenderci dall’ambiente, da polveri e da agenti atmosferici. Un secondo strato, più sottile, composto da collagene, serve a garantire l’elasticità della pelle. Lo strumento, già pronto per sperimentare farmaci e cosmetici, ha lo scopo di ridurre i costi e i tempi rispetto alle tecniche utilizzate finora.

Nessun articolo correlato
Share Button