Print Friendly, PDF & Email

Abbott ha annunciato che un nuovo studio, pubblicato su Lancet Neurology, ha scoperto che livelli elevati di una proteina misurata con l’analisi del sangue della società in fase di sviluppo potrebbero aiutare a rilevare lievi lesioni cerebrali traumatiche, anche quando una TC non ha Rilevarlo. I risultati dello studio Transforming Research and Clinical in Traumatic Brain Injury – uno dei maggiori sforzi TBI nel suo genere – mostrano che questa nuova tecnologia potrebbe aiutare a colmare un vuoto nei pronto soccorso oggi identificando i pazienti che altrimenti potrebbe non essere stato diagnosticato.

“I biomarcatori a base di sangue stanno emergendo come uno strumento importante per rilevare la TBI e questa ricerca apre il prossimo capitolo su come viene valutata la condizione”, ha dichiarato Geoffrey T. Manley, ricercatore principale di TRACK-TBI , neurochirurgo e professore di neurochirurgia, Università della California, San Francisco. “Avere questi strumenti sensibili potrebbe fornire ai medici informazioni più obiettive e in tempo reale e migliorare l’accuratezza del rilevamento di TBI. Questa ricerca dimostra che gli esami del sangue hanno il potenziale per aiutare i medici a valutare i pazienti sospettati di lesioni cerebrali in modo rapido e preciso.”

Più di 4,8 milioni di persone negli Stati Uniti visitano ogni anno il pronto soccorso per essere valutate per lesioni cerebrali. Una diagnosi accurata è fondamentale per assicurarsi che l’assistenza del paziente sia gestita in modo appropriato. Per rilevare attualmente una lesione cerebrale, i medici utilizzano un esame fisico, una serie di domande di screening per i sintomi cognitivi e neurologici e spesso ordinano una TAC per confermare la diagnosi di TBI. Le scansioni TC sono diventate lo standard di cura per cercare acutamente sanguinamento o gonfiore nel cervello. Tuttavia, in questo studio, quasi il 30% dei pazienti con una normale TAC ha mostrato segni di TBI quando i medici hanno utilizzato una tecnologia di imaging più sensibile: una risonanza magnetica. Tuttavia, le risonanze magnetiche non sono disponibili in tutti gli ospedali, sono notevolmente più lente nel produrre risultati e sono generalmente più costose delle scansioni TC e degli esami del sangue.

I ricercatori di TRACK-TBI hanno valutato 450 pazienti ricoverati nel dipartimento di emergenza di 18 centri traumatologici di livello 1 negli Stati Uniti con un sospetto TBI, che ha anche ricevuto una TAC negativa, per determinare se la proteina acida fibrillare gliale specifica del cervello (GFAP) potrebbe essere un biomarcatore, o indicazione, che aiuta i medici a rilevare le TBI. Lo studio ha utilizzato il dispositivo i-STAT Alinity di Abbott – un analizzatore di sangue portatile e portatile che produce risultati dei test in pochi minuti al fianco di una persona – e il suo esame del sangue in fase di sviluppo per misurare il livello di proteina GFAP di un paziente.3-4 Il dispositivo STAT Alinity è disponibile al di fuori degli Stati Uniti e non è ancora disponibile in commercio negli Stati Uniti

Tra questi 450 partecipanti con una TAC negativa, i ricercatori hanno valutato i livelli di GFAP nel sangue e quindi rivisto le loro scansioni MRI impiegate fino a due settimane dopo per confermare il TBI. Guardando le persone che avevano livelli rilevabili di questa proteina, lo studio ha scoperto che tra le 90 persone con i più alti livelli di GFAP rilevati, il 64% è stato confermato di avere un TBI dalla risonanza magnetica. Al contrario, per le 90 persone con i livelli più bassi di GFAP, l’8% è stato confermato di avere un TBI. La ricerca ha dimostrato che GFAP potrebbe essere usato per determinare quale gruppo di persone dovrebbe essere ulteriormente esaminato o sottoposto a una risonanza magnetica per confermare il loro TBI.

I ricercatori hanno scoperto che i livelli di GFAP erano significativamente più alti nei pazienti che avevano una risonanza magnetica positiva ma una TAC negativa, rispetto alle persone con scansioni TAC e MRI negative. Potrebbe inoltre essere potenzialmente utilizzato per prevedere il tipo di danno, nonché l’entità della lesione. In più, non sono stati significativamente elevati nei gruppi di controllo di individui sani e in quelli che avevano solo lesioni ortopediche.

Lo studio ha anche esaminato tre biomarcatori cerebrali aggiuntivi per valutare qualsiasi associazione tra livelli elevati di tali proteine ​​e lesioni cerebrali: S100 proteina legante il calcio B; ubiquitina C-terminale idrolasi L1; e la proteina enolasi specifica del neurone. I ricercatori hanno scoperto che livelli elevati di GFAP erano più sensibili nel rilevare lesioni cerebrali nei pazienti con una TAC negativa rispetto ai livelli elevati di UCH-L1, S100B o NSE.

Quando si verifica una lesione cerebrale, le cellule danneggiate rilasciano proteine ​​che fuoriescono dal cervello e nel flusso sanguigno. Se una persona ha un sospetto danno cerebrale, livelli elevati di questi biomarcatori proteici nel campione di sangue della persona potrebbero aiutare i medici a valutare le loro condizioni e determinare un trattamento ottimale.

In qualità di leader globale nei test diagnostici presso i punti di cura, Abbott ha oltre 120 scienziati e ingegneri che stanno ricercando e sviluppando il test di valutazione della commozione cerebrale di Abbott. Il test in sviluppo di Abbott misura proteine specifiche, come GFAP, che vengono rilasciate dal cervello quando è stato ferito, fungendo da campanello d’allarme che sono necessarie ulteriori valutazioni.

“Gli operatori sanitari si basano su esami del sangue per una varietà di condizioni a causa della loro precisione e velocità, eppure non abbiamo fatto un esame del sangue per il cervello come parte dello standard di cura”, ha affermato Beth McQuiston, neurologo e direttore medico, Diagnostica, Abbott. “Oggi il dispositivo i-STAT di Abbott è diventato un marchio di fiducia negli ospedali di tutto il mondo. In futuro, il nostro test TBI e il dispositivo di prossima generazione potrebbero anche essere aggiunti allo standard di cura, collaborando con scansioni TC e altri strumenti diagnostici per fornire ai medici una comprensione più completa delle condizioni di un paziente.”

Share Button