Print Friendly, PDF & Email

Abbott ha annunciato che un nuovo studio pubblicato su Circulation ha scoperto che il test del sangue Troponin-I ad alta sensibilità potrebbe prevedere la possibilità di sviluppare un evento cardiaco anni prima che si verifichi in persone senza sintomi quando aggiunto alle attuali valutazioni della cardiopatia. Utilizzando i dati dello studio ARIC, i ricercatori suggeriscono che i medici potrebbero aggiungere il test a valutazioni fisiche di routine in adulti sani di mezza età e anziani per prevedere meglio le loro probabilità di sviluppare malattie cardiache.

Gli esami del sangue di Troponina sono ampiamente utilizzati per aiutare i medici a rilevare attacchi di cuore. Mentre i sistemi sanitari passano dal trattamento dei sintomi della cardiopatia alla prevenzione della sua insorgenza, la ricerca ora indica che misurare i livelli di troponina di una persona utilizzando il test del sangue Troponina-I ad alta sensibilità di Abbott può anche aiutare a prevedere le probabilità di una persona di avere un evento cardiaco potenzialmente anni in anticipo quando non mostrano segni o sintomi.

In questa ultima analisi, i ricercatori hanno scoperto che elevati livelli di troponina-I che utilizzano il test del sangue troponina-I ad alta sensibilità di Abbott sono associati ad eventi cardiaci futuri, come infarto, cardiopatia ischemica, ictus, ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e morte. Questo aumento del rischio era indipendente dai tipici fattori di rischio di malattia cardiaca, come i livelli di colesterolo, la pressione sanguigna, il fumo e il diabete. Lo studio ha rilevato che rispetto agli adulti con bassi livelli di troponina-I, gli adulti che avevano livelli elevati di troponina-I erano: più del doppio delle probabilità di avere un evento di malattia cardiaca, come un infarto; quasi tre volte più probabilità di avere ictus ischemico; più di quattro volte più probabilità di essere ospedalizzati con insufficienza cardiaca.

“Gli studi dimostrano sempre più il valore della misurazione dei livelli di troponina in persone a cui non è stata diagnosticata una malattia cardiaca per aiutare a determinare meglio il loro rischio futuro”, ha detto Christie M. Ballantyne, MD, Professore di Medicina e Direttore del Centro di Prevenzione Cardiometabolica delle Malattie, Baylor College of Medicine, e corrispondente autore dello studio. “Questo studio supporta l’aggiunta di analisi del sangue altamente sensibili alla troponina-I alle attuali valutazioni del rischio cardiovascolare per identificare meglio i pazienti che potrebbero trarre beneficio da misure più intensive per migliorare la loro salute del cuore come una dieta e un esercizio migliori”.

Come parte di questa ultima analisi dello studio ARIC – uno studio epidemiologico sulle cause dell’aterosclerosi – i ricercatori hanno esaminato 8.121 adulti di età compresa tra 54 e 73 anni senza alcuna malattia cardiaca conosciuta al momento del prelievo del sangue nel 1998. I campioni di sangue conservati erano utilizzato per misurare i livelli di troponina-I utilizzando il test diagnostico di Troponina-I ad alta sensibilità di Abbott e l’85% dei partecipanti aveva troponina rilevabile. I partecipanti allo studio sono stati valutati per circa 15 anni fino al 2013 per determinare se avessero avuto un evento cardiaco. Lo studio ha anche misurato la troponina-T, un’altra proteina del cuore, utilizzando un diverso test del produttore. Lo studio ha rilevato che i livelli delle troponine non erano fortemente correlati l’uno con l’altro.

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte a livello globale.2 Tuttavia, le malattie cardiache possono spesso essere prevenute se identificate precocemente e gestite attraverso i cambiamenti dello stile di vita e le terapie necessarie. Per determinare il rischio di una persona per lo sviluppo di malattie cardiache, i medici attualmente guardano i fattori di salute del cuore indiretti, come i livelli di colesterolo, la pressione arteriosa e una storia familiare di malattie cardiache. Al contrario, l’analisi del sangue ad alta sensibilità Troponina-I di Abbott esamina una proteina che proviene direttamente dal cuore e si trova a livelli elevati nel sangue dopo che il muscolo cardiaco è stato ferito.

“I progressi nella nostra tecnologia diagnostica ci permettono di vedere i livelli di troponina che possono indicare i primi segni di lesioni al cuore anni prima che le malattie cardiache diventino evidenti o che compaiano sintomi”, ha detto Agim Beshiri, direttore medico senior, affari medici e scientifici globali , Diagnostica, Abbott. “Avere un quadro più chiaro della salute del cuore di un paziente può servire come sveglia – consentendo alle persone di lavorare con i loro medici per prendere il controllo della loro salute del cuore e possibilmente prevenire un futuro evento cardiaco”.

Il test ad alta sensibilità di Troponin-I di Abbott è disponibile per la valutazione del rischio cardiaco nei Paesi a marchio CE e non regolamentati, in attesa di registrazione del paese. Il test del sangue di Abbott non è ancora disponibile in commercio negli Stati Uniti ed è stato utilizzato per scopi di ricerca in questo studio. Abbott sta perseguendo attivamente la registrazione del test High Sensitive Troponin-I negli Stati Uniti.

Lo studio, pubblicato online su “Circulation”, fa parte di ARIC – uno studio prospettico, epidemiologico condotto in quattro comunità degli Stati Uniti per indagare sulle cause dell’aterosclerosi. In questa analisi, sono state incluse in totale 8.121 persone senza patologie cardiovascolari note. I ricercatori hanno misurato le associazioni tra i risultati del test del sangue con troponina I ad alta sensibilità e attacco cardiaco o altre coronarie.

Share Button