Print Friendly, PDF & Email

Procedono senza sosta i lavori per il nuovo polo satellite del Policlinico San Marco. L’edificio ospiterà nuovi ambulatori e stanze per la degenza dotate di ogni comfort, arricchendo così i servizi ai pazienti.

Oggi è stato tagliato un altro importante traguardo: il raggiungimento e completamento del tetto del nuovo corpo di fabbrica dell’ospedale Policlinico San Marco di Bergamo

Il nuovo polo satellite è costituito da un edificio, composto da 6 piani di circa mille metri quadri ciascuno. Al suo interno ospiterà le nuove degenze, tutte con camere a due letti e bagno privato, gli uffici direzionali e una nuova area ambulatoriale.

Il momento, tappa significativa verso il nuovo ospedale, è stato suggellato da un pranzo in cantiere – nei locali che saranno destinati alla nuova centrale tecnologica del Policlinico – che ha riunito in un clima di festa la direzione amministrativa e sanitaria del Policlinico San Marco, i dirigenti e rappresentanti delle due ditte bergamasche dell’ATI, Vanoncini Spa e C.R.S. Impianti Srl, e tutte le maestranze, gli operai e i muratori che hanno preso parte ai lavori.

Il dottor Francesco Galli, amministratore delegato degli Istituti Ospedalieri Bergamaschi di cui il Policlinico San Marco, è intervenuto spiegando come: 

“In questi ultimi anni il ‘volto’ del Policlinico San Marco è radicalmente cambiato. Non solo esternamente, ma soprattutto internamente grazie ai lavori che hanno portato alla realizzazione di: un nuovo CUP; un nuovo pronto soccorso e terapia intensiva; una nuova radioterapia; nuove sale operatorie ad alta tecnologia; nuove aree ambulatoriali; un nuovo laboratorio di emodinamica e una nuova endoscopia.

Continua il dott. Galli: “Ora il raggiungimento del tetto: rappresenta un ulteriore e importante passo in avanti nell’ottica di offrire al territorio e a tutti i nostri pazienti, un servizio di alto livello non solo da un punto di vista medico, ma anche alberghiero. Le nuove degenze, infatti, avranno stanze a due letti con bagno privato interno dotate di tutti i comfort”. 

Dice Stefano Civettini, amministratore unico di C.R.S. Impianti S.r.l.:“Ringraziamo gli istituti Ospedalieri Bergamaschi per la fiducia che hanno riposto nelle nostre Società per questo importante incarico che ci ha permesso di mettere in evidenza le nostre potenzialità e professionalità. Per noi è motivo di grande soddisfazione”

Soddisfazione anche per i tempi record con cui è stata costruita la struttura del nuovo edificio. 

Aggiunge Maurizio Pilenga, direttore del cantiere per l’ATI: “Siamo arrivati al tetto in soli 9 mesi, in netto anticipo sul cronoprogramma anche grazie alla sinergia con i progettisti e la committenza che ci ha permesso di attuare scelte tecniche in corso d’opera volte a un’accelerazione dei tempi mantenendo inalterate le esigenze progettuali”. 

Intanto, però, i lavori non si fermano. Tecnici, operai e muratori sono già all’opera per i lavori interni, il cui termine è previsto per i primi mesi del 2021.

Share Button