Print Friendly, PDF & Email

Medtronic ha annunciato di aver ricevuto il marchio CE per i suoi neurostimolatori InterStim Micro e i cavi RM Interureim SureScan, eliminando le tecnologie per la vendita commerciale e l’uso clinico in Europa. La disponibilità delle nuove tecnologie il 15 gennaio amplierà l’accesso alla terapia della neuromodulazione sacrale per migliaia di potenziali pazienti europei offrendo opzioni di risonanza magnetica per tutto il corpo idonee e scelte di stile di vita con i neurostimolatori InterStim Micro o InterStim II.

InterStim Micro è un dispositivo ricaricabile che offre una terapia di neuromodulazione sacrale per il trattamento della vescica iperattiva, dell’incontinenza fecale e della ritenzione urinaria non ostruttiva. È più piccolo dell’80% dell’attuale neurostimolatore InterStim II esente da ricarica e potrebbe ridurre la necessità di interventi di sostituzione della batteria a causa della sua durata di 15 anni. Dispone inoltre della tecnologia proprietaria della batteria Overdrive che consente una ricarica semplice e rapida. I conduttori SureScan, che verranno utilizzati sia nel sistema InterStim Micro che nei futuri impianti dell’InterStim II esistente privo di ricarica, sono progettati per consentire scansioni condizionale MRI 1.5 e 3 Tesla a corpo intero.

Tra il 4% e l’8% della popolazione mondiale soffrono di incontinenza. Inoltre, almeno la metà dei pazienti con pacemaker o neurostimolatori avrà un’indicazione clinica per un esame di risonanza magnetica per tutta la loro vita3, e fino al 23% degli espianti di SNM è attualmente dovuto alla necessità di una risonanza magnetica. Medtronic ha curato oltre 300.000 pazienti con sistemi InterStim esenti da ricarica e, ora, i cavi ricaricabili InterStim Micro e SureScan per i sistemi InterStim Micro e InterStim II consentiranno a un numero ancora maggiore di pazienti di accedere alla terapia. Inoltre, Medtronic è l’unica azienda in Europa a offrire ai pazienti una scelta tra sistemi ricaricabili e privi di ricarica, entrambi soggetti a risonanza magnetica per tutto il corpo.

“Siamo entusiasti dei nostri più recenti progressi tecnologici nella neuromodulazione sacrale consentiranno ai medici di curare un numero maggiore di pazienti che necessitano di sollievo dai loro sintomi”, ha affermato Brooke Story, vicepresidente e direttore generale del settore della salute pelvica e delle terapie gastriche, che fa parte del il gruppo di terapie restaurative presso Medtronic. “Abbiamo aperto la strada a questa terapia 25 anni fa in collaborazione con i medici e disponiamo degli unici dati quinquennali per tutte le indicazioni per dimostrarne la sicurezza e l’efficacia. Sappiamo da una profonda esperienza che è importante che la terapia soddisfi lo stile di vita del paziente per produrre i migliori risultati, e le nostre ultime innovazioni offriranno ora loro una scelta rispettosa dello stile di vita nei sistemi Medtronic SNM”.

La Rubrica offline influisce in modo significativo sulla qualità della vita e può influire negativamente sulle attività sociali, sull’esercizio fisico e sull’intimità. Molti malati limitano la propria vita sociale, professionale e personale. Tuttavia, ben il 45% che soffre di sintomi non cerca cure e ben sette su 10 smettono di usare farmaci entro sei mesi a causa di effetti collaterali intollerabili o risultati insoddisfacenti.

“L’efficace controllo a lungo termine della vescica e dell’intestino è un’esigenza medica sottovalutata per molti che soffrono di incidenti regolari e / o problemi di frequenza associati a OAB e FI”, ha affermato Philip EV Van Kerrebroeck; professore di Urologia, Centro medico dell’Università di Maastricht, Maastricht, Paesi Bassi. “Le nuove funzionalità offerte da InterStim II e InterStim Micro condizionate dalla risonanza magnetica daranno ai pazienti la possibilità di scegliere un sistema compatibile con il loro stile di vita, e possono avere una risonanza magnetica senza essere espiantato. Sono entusiasta perché mi consente di offrire l’esperienza di fiducia e il supporto di Medtronic per aiutare a ridare la vita ai miei pazienti”.

Share Button