cuore-pacemaker-300x194

Medici messicani riutilizzano i pacemaker donati

Print Friendly, PDF & Email

Medici messicani hanno riutilizzato in modo sicuro i pacemaker donati dopo la fase di sterilizzazione. Lo ha dimostrato uno studio presentato al 30° Congresso messicano di Cardiologia. I risultati dimostrano la possibilità per i pazienti che non ne avrebbero avuto la possibilità, di ricevere ugualmente un pacemaker. Il Congresso annuale della Società Messicana di Cardiologia si tiene a Guadalajara, Jalisco dal 2 al 5 novembre 2017.
Studi precedenti hanno dimostrato la sicurezza di riutilizzare i pacemaker dopo la sterilizzazione. “L’attuale studio ha incluso 33 pazienti con indicazione di pacing che non potevano permettersi un nuovo pacemaker o un cambiamento di batteria. I pazienti hanno ricevuto un dispositivo riutilizzato presso l’Ospedale Generale del Messico dal 2011 al 2017. I dispositivi erano stati donati da parenti di pazienti deceduti e avevano un minimo di sei anni di durata della batteria. Dopo aver confermato che i pacemaker funzionavano correttamente, sono stati lavati con enzima sapone e sterilizzati in autoclave per 38 minuti. La funzione pacemaker è stata riesaminata dopo la sterilizzazione. I pazienti avevano 72 anni in media e il 52% era di sesso femminile. Le indicazioni di un pacemaker erano disfunzioni del nodo del seno in 10 pazienti (30%) e blocco atrioventricolare avanzato in 23 pazienti (70%).
Dei 33 pazienti, 25 hanno ricevuto un pacemaker riutilizzato. Otto pazienti avevano già un pacemaker e ricevevano un generatore riutilizzato. Durante la procedura di impianto vi è stato un ematoma che si è risolto senza ulteriori complicazioni. Non ci sono state complicazioni durante il periodo di follow-up di sei mesi.

Share Button