L’IRCCS di Bari primo al sud a praticare la biopsia VABB RM guidata

Print Friendly, PDF & Email

La biopsia RM guidata, un approfondimento senologico complesso, fondamentale per caratterizzare lesioni non visibili alla mammografia e all’ecografia, da circa un mese è realtà nell’Istituto tumori di Bari.
La metodica di biopsia mininvasiva e altamente specialistica, eseguita fino a qualche settimana fa unicamente nelle strutture ospedaliere del centro e nord Italia, è entrata dalla porta principale dell’unità operativa di radiodiagnostica senologica del “Giovanni Paolo II” diretta dalla dottoressa Rosalba Dentamaro, garantendo ai pazienti un’analisi sensibile e accurata della malattia; la tecnica, fiore all’occhiello dell’Istituto, aggiunge un altro colore al quadro delle eccellenze meridionali, sbarrando l’ingresso al mortificante fenomeno bianco e nero delle migrazioni sanitarie in questo settore.
Nel mirino della nuova arma diagnostica guidata con sistema “post and pillar” sfruttando la procedura VABB, finiscono lesioni non frequenti nella pratica clinica. La tecnica eseguita attraverso l’inserimento nella mammella di un ago speciale monouso con camera aperta e sistema aspirativo esterno, in anestesia locale e sul lettino della risonanza magnetica, permette il campionamento simultaneo e preciso a 360° di aree dubbie o sospette alla RM consentendo, grazie alla clip finale di localizzazione, un approccio chirurgico più conservativo su alcune tipologie di lesioni.
La procedura è stata praticata per la prima volta un mese fa dal dottor Daniele La Forgia, inaugurando una nuova stagione di diagnosi nell’Istituto di ricerca barese, a costo zero per la struttura, sfruttando un progetto di ricerca in collaborazione con le Università di Bari e Siena.

Nessun articolo correlato
Share Button