Print Friendly, PDF & Email

Pubblicati in “Nature Medicine”, i risultati di WINTHER, il primo studio di WIN Consortium – Genomic and transcriptomic profiling expands precision cancer medicine: the WINTHER trial – dimostrano che la profilazione dell’RNA congiunta ai test del DNA permette di abbinare le terapie personalizzate a un maggior numero di pazienti con tumore avanzato rispetto ai test di profilazione del DNA per le sole mutazioni dei tumori.

Obiettivo dello studio WINTHER, NCT01856296, condotto da ricercatori degli istituti Vall d’Hebron Institute of Oncology – VHIO, Chaim Sheba Medical Center, Gustave Roussy, Centre Léon Bérard, Segal Cancer Centre, McGill University, UT MD Anderson Cancer Center e University of California San Diego, Moores Cancer Center, era espandere la disponibilità dell’oncologia di precisione ai pazienti con tumori solidi avanzati, con progressione a seguito del trattamento con terapie standard.
Per la prima volta nella clinica, lo studio WINTHER ha applicato la trascrittomica per adattare la medicina di precisione in oncologia a un numero maggiore di pazienti in base alla maggiore espressione di RNA nei tumori rispetto ai tessuti normali.
303 pazienti sono stati arruolati in WINTHER; 107 dei quali sono stati trattati in ultima analisi in base alle raccomandazioni formulate da un comitato di esperti sul cancro che copre cinque paesi. Questi pazienti erano stati pretrattati pesantemente, con un quarto che aveva ricevuto cinque o più linee precedenti di terapia. Dei 107 pazienti trattati, 69 hanno ricevuto un trattamento basato sulla profilazione della mutazione del DNA e 38 sulla profilatura dell’RNA. Complessivamente, lo studio WINTHER è riuscito ad abbinare la terapia personalizzata al 35% dei pazienti con tumore avanzato.
“La strategia impiegata in WINTHER ha portato a una percentuale maggiore di pazienti trattati rispetto a molti studi di medicina di precisione. Precedenti studi hanno identificato potenziali trattamenti tra il 5% e il 25% dei pazienti sulla base del profilo del DNA da solo, i nostri risultati rappresentano un passo importante verso la realizzazione della vera promessa della medicina di precisione in oncologia “, ha dichiarato Richard L. Schilsky, Chairman WIN Consortium e Chief Medical Officer di ASCO.
In questo studio, i pazienti sono stati valutati per la prima volta per alterazioni targetable nei geni del driver del cancro. Coloro che non erano abbinati a farmaci basati su alterazioni del DNA hanno ricevuto un trattamento su misura per le differenze nell’espressione genica tra i tumori dei pazienti e tessuti normali che sono stati valutati utilizzando un algoritmo brevettato sviluppato dal consorzio WIN. Il confronto con i tessuti normali si è dimostrato essenziale a causa dell’espressione di RNA altamente variabile tra i pazienti e tra i diversi tipi di tessuto. I ricercatori WINTHER hanno dimostrato che l’espressione di RNA può essere utilizzata per espandere opzioni terapeutiche personalizzate per i pazienti e che la normale biopsia tissutale è sicura e accettata dai pazienti.
I pazienti che hanno ricevuto terapia adattata in modo ottimale alle loro rispettive alterazioni del DNA, o coerenti con la raccomandazione dell’algoritmo per il trattamento guidato dall’RNA, hanno risposto meglio. I pazienti con un buono stato di prestazione e un alto grado di corrispondenza avevano una sopravvivenza globale mediana significativamente più lunga di 25,8 mesi rispetto a 4,5 mesi per gli altri. C’era anche una correlazione tra grado di corrispondenza e sopravvivenza libera da progressione indipendentemente dal numero di terapie precedenti. “È importante sottolineare che i nostri risultati mostrano che i pazienti trattati con un farmaco o regime più strettamente correlati al profilo molecolare del loro tumore, fanno meglio”, ha osservato Razelle Kurzrock, co-leader del trial WINTHER e direttore del Centro UCSD Moores per la terapia del cancro personalizzata .

Share Button