Informatici e medici insieme per un trattamento più sicuro dei dati dei pazienti

Print Friendly, PDF & Email

In tutto il mondo, i ricercatori raccolgono dati sui pazienti per sviluppare nuovi trattamenti per malattie diffuse come demenza, ictus o malattie tumorali. Questi dati vengono estratti da campioni di sangue o immagini a raggi X combinati da fonti diverse a contenuti multimediali. I ricercatori devono affrontare la sfida di valutare questa ricchezza di dati biomedici in modo efficiente senza intromettersi nella privacy dei pazienti. Due centri Helmholtz a Saarbruecken e Bonn hanno ora fondato il nuovo “Centro di ricerca sulla sicurezza e la sicurezza medica di Helmholtz” con un’agenda congiunta per sviluppare tecniche affidabili e che tutelano la privacy per elaborare dati medici.
I dati dei pazienti raccolti da campioni di tessuti, scansioni TC o sequenziamento del genoma sono analizzati in molti progetti di ricerca biomedica in tutto il mondo. Nel frattempo, numerosi tipi di dati sulla salute vengono raccolti anche da aziende internazionali tramite app di fitness e metodi di tracciamento simili.
“La raccolta, l’analisi e l’elaborazione di questi enormi set di dati offre prospettive e intuizioni completamente nuove. Idealmente, ciò consente un miglioramento dei piani di trattamento medico. Tuttavia, questo processo comporta anche rischi: i dati potrebbero essere utilizzati per trarre conclusioni sulle persone i cui dati sono stati raccolti. Ciò potrebbe, ad esempio, portare a una divulgazione delle malattie dei pazienti”, afferma il professor Michael Backes, fondatore e direttore generale del Centro per la sicurezza delle informazioni di Helmholtz a Saarbruecken. I requisiti legali per l’elaborazione di dati altamente sensibili sono rigorosi, per una buona ragione. Allo stesso tempo, questo rende difficile per gli scienziati medici elaborare questi dati in modo efficiente. “La ricerca sulla sicurezza IT può dare un contributo importante a questo problema. Sviluppiamo metodi efficienti per elaborare set di dati medici in modo sicuro ed efficiente per una moltitudine di diversi scenari di applicazioni mediche”, dichiara Michael Backes.
I gruppi di ricerca della CISPA vogliono collaborare con i ricercatori del Centro tedesco per le malattie neurodegenerative di Bonn, che è rappresentato in altre nove sedi all’interno dell’Associazione Helmholtz. La loro ricerca sarà integrata nel “Centro di ricerca sulla sicurezza e la sicurezza medica di Helmholtz”, finanziato congiuntamente da entrambi i centri di Helmholtz e aperto a partner aggiuntivi. “A Bonn, stiamo facendo ricerche su diversi tipi di demenza ed esplorando somiglianze con altre malattie cerebrali. Il nostro obiettivo principale è quello di sviluppare sia nuovi approcci preventivi che terapeutici”, afferma il professor Pierluigi Nicotera, direttore scientifico del Centro tedesco per le malattie neurodegenerative.
Il suo centro intrattiene una stretta collaborazione con la ricerca clinica e conduce studi di popolazione completi, come lo studio della Renania. “Nel corso di diversi decenni e con un massimo di 30.000 partecipanti, stiamo esplorando il modo in cui i fattori genetici, lo stile di vita e gli impatti ambientali interagiscono e in che modo influenzano la salute dei partecipanti. Come potete immaginare, questo si traduce in enormi volumi di dati, che richiedono algoritmi altamente efficienti che devono garantire rigorosamente la privacy di ogni singolo partecipante. Ciò richiede metodi nuovi e sicuri che vogliamo sviluppare insieme ai ricercatori della sicurezza informatica di Saarbruecken”, spiega Pierluigi Nicotera.
Il nuovo centro di ricerca HMSP è attualmente composto da 13 ricercatori, compresi i loro gruppi di ricerca. “Vogliamo sviluppare congiuntamente meccanismi che proteggano e preservino ugualmente gli interessi di pazienti e medici, della ricerca e dell’industria. Ancora oggi, abbiamo già stabilito una solida esperienza nella sicurezza delle informazioni e nell’analisi medica in entrambi i centri, anche se senza alcuna interazione forte. Attualmente, miriamo a intrecciare gradualmente entrambe le aree di ricerca “, sottolinea Michael Backes. Aggiunge: “In particolare per quanto riguarda i dati medici, l’Associazione Helmholtz possiede enormi quantità di dati. Vogliamo contribuire a scoprire questi tesori. “I ricercatori vogliono anche esaminare, in che modo l’attuale software medico e i componenti del sistema sono affidabili e in che modo le potenziali vulnerabilità della sicurezza possono essere mitigate.
Tobias Hans, Ministro-Presidente della Saar, vede molto potenziale in questa nuova collaborazione, anche per la stessa Saarland. All’apertura del Centro di ricerca sulla sicurezza e la sicurezza medica di Helmholtz, Tobias Hans afferma: “Questa collaborazione dimostra come la tecnologia all’avanguardia possa avvantaggiare direttamente le persone”.

Nessun articolo correlato
Share Button