Print Friendly, PDF & Email

Komen Italia e Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS concludono il Mese Internazionale della Prevenzione dei tumori del seno insieme alle Istituzioni, con due nuovi importanti traguardi: l’inaugurazione presso il Policlinico Gemelli di un “Centro per i Trattamenti Integrati in Oncologia”, e la presentazione di due protocolli di intesa, all’insegna del binomio cura e cultura con il parco archologico del colosso e l’accademia nazionale di santa Cecilia.

Per contribuire in modo significativo al Mese Internazionale della Prevenzione dei tumori del seno, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS e Komen Italia hanno rafforzato la sinergia virtuosa che li lega da oltre 20 anni per offrire, insieme alle Istituzioni, opportunità gratuite di tutela della salute in luoghi dove la prevenzione arriva con più difficoltà, in particolare a favore di donne che vivonocondizioni di disagio sociale o economico.

Questa unione di forze ha consentito di realizzare 20 Giornate di Promozione della Salute Femminile in particolare nei territori della Città Metropolitana di Roma Capitale e delle Regione Lazio e di dare avvio a numerose altre iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi per la lotta ai tumori del seno.

“La Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS ha avviato da anni una collaborazione con la Komen Italia per aumentare l’offerta di servizi alle donne con tumore del seno. Questa preziosa collaborazione ha facilitato la realizzazione di una serie di importanti progetti nel Policlinico Gemelli, come l’istituzione del Centro Multidisciplinare di Senologia, l’avvio di percorsi di sostegno psico-oncologico, la creazione della Carovana della Prevenzione e ora l’apertura di un Centro di Terapie Integrate in Oncologia, che testimoniano l’attenzione che la nostra Istituzione dedica nell’accompagnare i percorsi di cura dei malati oncologici”, afferma il Presidente Giovanni Raimondi della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS di Roma.

Per rimarcare il valore aggiunto che l’unione di forze tra istituzioni governative, sanitarie e del terzo settore può apportare all’ottimizzazione dei percorsi di cura e concludere al meglio il Mese della Prevenzione, il 31 ottobre vengono presentate due nuove importanti realizzazioni: l’apertura nel Policlinico Gemelli del Centro Komen Italia per i Trattamenti Integrati in Oncologia e la firma di due prestigiosi protocolli d’intesa con il Parco Archeologico del Colosseo e con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Grazie a una generosa donazione della Komen Italia, la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS ha potuto riqualificare una terrazza in disuso al decimo piano dell’ospedale per istituire questa innovativa struttura che consentirà alle pazienti in cura nel Centro di Senologia e nel Day Hospital dei Tumori Femminili di ricevere, insieme alle più avanzate terapie oncologiche, anche una serie di trattamenti complementari utili a migliorare il benessere psicofisico durante e dopo i percorsi di cura, a limitare gli effetti secondari delle terapie oncologiche tradizionali e a ridurre i rischi di recidiva della malattia.

“Da oltre 15 anni alle donne in cura per un tumore del seno nel Centro di Senologia del Policlinico Gemelli vengono offerte, insieme alle più avanzate terapie oncologiche tradizionali, anche risorse terapeutiche aggiuntive, scientificamente validate, che aiutano a navigare con meno difficoltà nell’esperienza di malattia e che sono altamente apprezzate dalle pazienti. Oltre a un’ampia offerta di terapie complementari, il Centro servirà da hub per l’avvio di progetti di ricerca e di formazione professionale, come quello recentemente condiviso con CNA Impresa Donna”, afferma il Prof. Riccardo Masetti, Presidente di Komen Italia e Direttore del Centro Integrato di Senologia della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS di Roma.

“L’arte, nelle sue varie declinazioni, è una risorsa terapeutica importante, una potente medicina per il corpo e per la mente, in grado di contribuire a ridurre gli stati di ansia e depressione che spesso accompagnano una malattia oncologica, migliorando la capacità di recupero e la qualità di vita del paziente. Il valore dell’arte nel precorso di cura permette alle pazienti di riscoprire le proprie risorse ed entrare in contatto con sé stesse, favorendo la libera espressione della propria visione del mondo e del proprio vissuto” dichiara il prof. Giovanni Scambia, Direttore Scientifico della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS di Roma.

E, infatti, molte delle terapie complementari che verranno offerte nel nuovo Centro di Terapie Integrate in Oncologia sono collegate a elaborazioni artistiche, musicali, di scrittura creativa o di fotografia, già utilizzate in passato con notevole gradimento delle pazienti.

Da questa premessa e dalla volontà di rafforzare la sinergia tra “cura e cultura” scaturisce la scelta di associare l’inaugurazione del nuovo Centro con la presentazione di due prestigiosi protocolli di intesa: con il Parco Archeologico del Colosseo, per ampliare la collaborazione già in atto conil Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo e portare attività che legano la salute con l’arte direttamenteall’interno di una delle aree più rinomate del patrimonio culturale del nostro Paese; con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la più antica e prestigiosa istituzione musicale del nostro Paese, per proseguire il progetto “La Musica fa bene” che promuove attività di ricerca congiunta sull’importanza della musica nel recupero psicofisico dopo una malattia oncologica e delle attività di promozione della musicoterapia nei centri di cura in Italia.

Queste nuove realizzazioni concludono il Mese “prolungato” della Prevenzione di Komen Italia che ha visto anche:lo svolgersi di 4 edizioni della Race for the Cure nelle città di Bologna, Pescara, Brescia e Matera, con oltre 40.000 iscritti.

Il lancio della campagna di sensibilizzazione “La Prevenzione è il nostro Capolavoro” che, oltre a ricevere il supporto delle principali testate della carta stampata e della televisione, del mondo della cultura, dello sport e dello spettacolo, ha avuto una diffusione virale sul web grazie alla partecipazione delle più importanti influencer che hanno indossato il ribbon rosa di Komen Italia e hanno utilizzato i propri canali social per diffondere anche tra i più giovani l’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce; la continuazione dell’iniziativa di sensibilizzazione e raccolta fondi con Arthemisia, legata ai biglietti di ingresso a 4 mostre d’arte inaugurate nel mese scorso in Italia, per la realizzazione di 4 nuovi progetti finalizzati alla tutela della salute femminile in Italia e all’estero.

Share Button