Print Friendly, PDF & Email
GE Healthcare ha annunciato oggi nuove applicazioni e dispositivi intelligenti basati su Edison, una piattaforma che aiuta ad accelerare lo sviluppo e l’adozione della tecnologia di intelligenza artificiale e consente ai fornitori di fornire assistenza più rapida e più precisa. Edison fa parte del portafoglio digitale di GE Healthcare da 1 miliardo e in crescita e fungerà da “filo digitale” per le sue partnership e i suoi prodotti esistenti. I partner clinici utilizzeranno Edison per sviluppare algoritmi e i partner tecnologici collaboreranno con GE Healthcare per portare gli ultimi progressi nell’elaborazione dei dati alle applicazioni Edison e ai dispositivi intelligenti.
Il mercato AI per la salute raggiungerà 6,6 miliardi di dollari nel 2021 e il 39% dei dirigenti dei fornitori di servizi sanitari afferma che stanno investendo in IA, apprendimento automatico e analisi predittiva. Apprezzando il potenziale della tecnologia, GE Healthcare presenta le seguenti applicazioni Edison e dispositivi alimentati da Edison alla 104a riunione annuale della Radiological Society of North America.
AIRx è uno strumento di workflow automatizzato basato su AI per la scansione cerebrale MRI progettato per aumentare la coerenza e la produttività. AIRx è progettato per fornire prescrizioni di slice automatizzate per ridurre passi manuali ridondanti in precedenza. AIRx ha lo scopo di produrre immagini che hanno meno variabilità tra i tecnologi e tra le scansioni, per ridurre le possibilità che un paziente possa essere richiamato a causa di un errato posizionamento delle fette. Un aumento della coerenza è particolarmente importante quando si effettuano valutazioni longitudinali per malattie come l’Alzheimer e la sclerosi multipla. AIRx presenta un modello di rete neurale pre-addestrato che sfrutta algoritmi di deep learning e riconoscimento dell’anatomia basati su un database di oltre 36.000 immagini provenienti da studi clinici e siti di riferimento.
Critical Care Suite su Optima XR240amx è progettato per identificare i casi con la condizione critica del pneumotorace nel punto di cura per consentire la prioritizzazione della revisione dell’immagine. Critical Care Suite impiegherà una suite di algoritmi AI, come il rilevamento del pneumotorace, progettato per identificare questa condizione potenzialmente pericolosa per la vita nei raggi X del torace con elevata precisione. Gli algoritmi AI sono ospitati sul sistema X-Ray mobile, un dispositivo di imaging embedded basato su AI per la prima volta, progettato per condividere l’output tramite una notifica su schermo. Quando viene identificata una condizione di pneumotorace, la notifica del point-of-care avvisa il team clinico, consentendo la prioritizzazione della revisione dell’immagine. I risultati AI vengono inviati a PACS per la revisione dei risultati critici da un radiologo.
CT Smart Subscription fornisce accesso continuo al più recente software CT, estendendo il ciclo di vita del dispositivo e rendendolo più prezioso nel tempo. Le applicazioni possono essere selezionate in base alle esigenze specifiche di un ospedale o di un sistema sanitario, con opzioni che vanno dall’emorragia intracranica e dal rilevamento dell’ictus alla riduzione della dose di routine e dall’ottimizzazione alla valutazione della funzione cardiaca.
La segmentazione automatica della lesione su LOGIQ E10 aumenta la produttività attraverso l’automazione. Gli utenti di ultrasuoni sperimentano notevoli problemi ergonomici a causa di ripetuti passaggi dell’esame. La segmentazione automatica della lesione aiuta a eliminare la necessità per l’utente di misurare le lesioni manualmente, segmentando una lesione del seno, della tiroide o del fegato identificata e fornendo automaticamente una traccia della lesione e dell’area corrispondente. Questa funzionalità aiuta anche a garantire la coerenza tra i diversi utenti, o anche lo stesso utente, per la documentazione e i follow-up.
“C’è un sacco di significato nascosto nei dati profondi, ma ci vuole una notevole raffinatezza per estrarre il valore”, ha detto il dottor Rachael Callcut, un partner nello sviluppo di Critical Care Suite, professore associato di chirurgia presso UCSF, un chirurgo presso UCSF Health e Director of Data Science per il Center for Digital Health Innovation. “L’intelligenza artificiale ci dà l’opportunità di vedere modelli che non vediamo e modificare il modo in cui ci prendiamo cura dei pazienti, che può infine migliorare i risultati”.
Edison offre anche un servizio all’avanguardia che consente di tracciare i dati durante lo sviluppo di un algoritmo. Questo strumento, che riflette l’impegno di GE Healthcare per un uso sicuro, etico ed efficace dell’IA, potrebbe aumentare la fiducia dei medici nella tecnologia e semplificare radicalmente la capacità dello sviluppatore di creare applicazioni AI compatibili. Le funzionalità AI sono solo uno degli oltre 100 servizi Edison disponibili per GE Healthcare e, infine, per gli sviluppatori di terze parti. Altri servizi includono sicurezza, visualizzazione, gestione dell’utilizzo e auto-protocollo.
Per i dirigenti ospedalieri, la piattaforma Edison consente a GE Healthcare di aggiungere valore continuo ai suoi milioni di dispositivi medici installati con flussi di lavoro intelligenti. I medici che utilizzano le applicazioni Edison, che sono state costruite utilizzando i servizi di Edison, possono essere assicurati dal fatto che gli algoritmi sono stati sviluppati e convalidati da un ecosistema best-in-class di partner clinici e tecnologici. Gli sviluppatori che utilizzano Edison trarranno vantaggio da una piattaforma integrata comune che riunisce dati diversi a livello globale da diverse modalità, fornitori e impostazioni di assistenza.
“Edison offre ai medici una piattaforma digitale integrata, combinando diversi set di dati provenienti da diverse modalità, fornitori, reti sanitarie e impostazioni di scienze della vita”, ha affermato Kieran Murphy, Presidente e CEO di GE Healthcare. “Le applicazioni basate su Edison includeranno le più recenti tecnologie di elaborazione dei dati per consentire ai medici di prendere decisioni più rapide e più informate per migliorare i risultati dei pazienti.”
Le applicazioni Edison possono essere implementate su dispositivi medici, via cloud o sul bordo.

Nessun articolo correlato
Share Button