Print Friendly, PDF & Email

FUJIFILM Corporation ha annunciato di aver stipulato un accordo per acquisire Biogen Manufacturing ApS, un sito produttivo biologico su larga scala situato a Hillerød vicino a Copenaghen, Danimarca da Biogen per circa 890 milioni di dollari. Alla chiusura di questa transazione, Biogen Hillerød diventerà il quarto sito di sviluppo e produzione di contratti biofarmaceutici di Fujifilm. La forza lavoro esistente nel sito, che comprende circa 800 dipendenti, sarà conservata da Fujifilm. FUJIFILM Diosynth Biotechnologies, un’organizzazione leader nello sviluppo e produzione di contratti con esperienza nello sviluppo e nella produzione di prodotti biologici e terapie avanzate è responsabile di tutti i siti CDMO biofarmaceutici di Fujifilm.

Biogen Hillerød è equipaggiato con 6 bioreattori da 15.000 litri per la produzione di biologia derivata da colture cellulari. Questa struttura espanderà in modo significativo la capacità e le capacità di Fujifilm e fornirà una linea di vista ai grandi volumi di produzione attraverso “scalabilità”, completando così l’attuale modello di scalabilità implementato con i servizi mAb Saturn. Questa acquisizione dimostra la chiara focalizzazione di Fujifilm nella realizzazione della strategia per supportare i progetti dalla fase pre-clinica alla commercializzazione con le migliori risorse di classe in grado di fornire volumi di produzione molto piccoli o molto grandi. FUJIFILM Diosynth Biotechnologies offre attualmente una linea di vista per capacità di produzione su larga scala per biologia derivata microbica, attraverso la sua partnership con MSD, Brinny.

“Siamo orgogliosi di unire il talento e l’esperienza dei dipendenti di Biogen Hillerød con le capacità di FUJIFILM Diosynth Biotechnologies come CDMO leader del settore”, ha dichiarato Paul McKenzie, vicepresidente esecutivo, operazioni farmaceutiche e tecnologia presso Biogen.

“Siamo così entusiasti di dare il benvenuto al team di Biogen Hillerød nella famiglia di Biotecnologie di Diosynth di FUJIFILM”, ha affermato Steve Bagshaw, amministratore delegato di FUJIFILM Diosynth Biotechnologies. “Queste strutture di livello mondiale sono eguagliate solo dall’esperienza e dalle capacità del team di Biogen Hillerød con circa 800 dipendenti e non vediamo l’ora di sfruttare queste competenze a beneficio dei clienti attuali e futuri.”

Fujifilm ha investito in modo aggressivo nel suo business Bio CDMO per aumentare la capacità produttiva e la capacità di sviluppo dei processi nei siti di Fujifilm Diosynth Biotechnologies negli Stati Uniti e nel Regno Unito. La società estenderà il servizio dei suoi servizi di riempimento / finitura nell’anno fiscale che termina il marzo 2021 a includere il riempimento asettico di cGMP di proteine ​​ricombinanti per il suo approccio completo al servizio CDMO. Inoltre, ha introdotto il sistema di espressione dei mammiferi di prossima generazione, Apollo X, in grado di fornire titoli leader del settore superiori a 10 g/L. Attraverso investimenti di capitale aggressivi e lo sviluppo di tecnologie altamente efficienti e altamente produttive, Fujifilm ha esperienza nello sviluppo e nella produzione di una varietà di prodotti biologici comprendenti proteine ​​ricombinanti, anticorpi monoclonali, vaccini virali e terapie geniche, e continuerà ad espandere ulteriormente il business.

Nel perseguire l’obiettivo di affermarsi come azienda sanitaria completa che copre prevenzione, trattamento e diagnosi, Fujifilm ha compiuto numerose acquisizioni strategiche negli ultimi anni che ampliano e diversificano il proprio portafoglio sanitario; questo è stato dimostrato più recentemente dall’acquisizione di Irvine Scientific, che è diventata una società Fujifilm il 1° giugno 2018. La capacità di identificare e sfruttare le sinergie tra le sue attività è una forza chiave di Fujifilm e fondamentale per la sua strategia di crescita.

L’acquisizione dovrebbe essere completata intorno ad agosto 2019, soggetta alle consuete condizioni di chiusura, compresa la ricezione delle approvazioni normative richieste dalle autorità della concorrenza.

Share Button