Print Friendly, PDF & Email

Doxa, in collaborazione con WIN rende noti i risultati del sondaggio mondiale sul benessere fisico dei cittadini di 40 Paesi di tutto il mondo. E certifica che il 76% degli intervistati si considera in salute: buona o, addirittura, ottima. Solo il 4% si dichiara in cattiva salute e il 19% in una condizione di salute scarsa. Altra importante evidenza emersa: le risposte degli uomini e delle donne sono molto simili, con valori riferiti alla buona salute leggermente più elevati tra i maschi. Cambia invece la percezione a seconda delle classi d’età: la quota di chi si considera in ottima salute, in particolare, passa dal 33% degli under 18 al 10% degli over 64. A sorpresa, tra le varie parti del mondo, i livelli più elevati di salute percepita sono stati rilevati in Africa Centrale e nel Sud-Est asiatico, mentre i livelli più bassi si registrano in Europa, Medio Oriente e Nord Africa. Nel Vecchio Continente fa eccezione l’Italia che svetta con un 83% di rispondenti che hanno dichiarato uno stato di salute buono o ottimo, mentre il 14% degli italiani siconsidera in scarsa salute e soltanto il3% in cattiva salute. Ma quali sono i comportamenti, le abitudini, gli stili di vita e di consumo che possono avere un impatto anche decisivo sulla salute di tutti noi? Doxa, in collaborazione con WIN, ne ha individuati 5, fotografando numeri e tendenze da tenere bene a mente.
1. Fumo: il 26% delle donne e il 45% degli uomini, a livello mondiale, dichiara di fumare: regolarmente o occasionalmente. Con una grandissima differenza trai diversi Paesi: si passa dal 22% dell’Australia all’80% del Messico. In Italia la percentuale di fumatori si attesta al 36%, in linea con la media mondiale pari al 35%.
2. Alcol: sicuramente influenzato dalle credenze religiose e dai diversi contesti culturali, il consumo di alcol presenta un tasso di variabilità ancora più marcato tra i singoli Paesi. I consumatori abituali risultano quasi la metà della popolazione in Messico mentre coprono soltanto l’1% in Palestina e Indonesia. In Italia sono l’11%, nettamente meno della media mondiale.
3. Attività fisica: il 37% della popolazione mondiale fa regolarmente attività fisica con qualche differenza fra maschi e femmine, e fra giovani e meno giovani. Tra i 40 Paesi coinvolti ci sono enormi differenze: pratica attività fisica il 69% della popolazione in India mentre soltanto il 20% in Brasile e Indonesia. In Italia circa 1/3 della popolazione adulta pratica attività fisica molto o abbastanza spesso.
4. Stress: il 30% degli intervistati a livello mondiale dice di sentirsi stressato. In Italia coloro che si riconoscono in questa situazione sono pari al 28%, dunque al di sotto della media complessiva.
5. Sonno: il 64% dei rispondenti nei 40 Paesi coinvolti nell’indagine dichiara di dormire bene, senza grandi differenze tra i diversi sottogruppi del campione. Anche in questo ambito il dato italiano denota una situazione migliore rispetto alla media mondiale.

Share Button