Dolore episodico intenso: ogni anno colpisce 150mila pazienti oncologici e peggiora la qualità della vita nell’85% dei casi

Print Friendly, PDF & Email

È italiano il primo studio al mondo sul Dolore Episodico Intenso, supportato da Molteni Farmaceutici e presentato il 6 novembre al Ministero della Salute. Ogni anno sono 150mila i pazienti oncologici in Italia che soffrono per questa patologia: il dolore dura dai 30 ai 60 minuti, In una scala da 0 a 10 può raggiungere picchi di 8-9 e si può presentare fino a 5 volte al giorno. Questi sintomi si presentano come una sorta di “dolore nel dolore”, in persone convivono già con il cosiddetto “dolore di fondo”, trattato con farmaci a base di oppioidi riducendo considerevolmente la qualità della vita dei pazienti nell’85% dei casi.
Questi i risultati di IOPS-MS, lo studio supportato da Molteni Farmaceutici che ha coinvolto 4.016 pazienti di 32 centri italiani. Il dolore episodico intenso è ancora sottovalutato e trattato in modo non corretto – spiega il prof. Paolo Marchetti, Direttore Oncologia Medica B del Policlinico Umberto I di Roma e Ordinario di Oncologia all’Università La Sapienza – La terapia più efficace è rappresentata dagli oppioidi a rapido inizio d’azione, che vantano una comparsa dell’effetto in meno di 15 minuti e una durata inferiore a 2 ore”.
Nello studio IOPS-MS, pubblicato sulla rivista “Cancers”, l’età media dei pazienti arruolati era di circa 65 anni, colpiti da diversi tipi di neoplasia e in differenti condizioni assistenziali. Nel 69,5% dei casi il sintomo non era riconducibile a una causa particolare, quindi spontaneo e scollegato da atti volontari.

Share Button