Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Janssen di Johnson & Johnson ha annunciato i risultati a lungo termine dello studio clinico di fase III ALCYONE, che dimostrano che l’aggiunta di Darzalex a bortezomib, melfalan e prednisone ha continuato a dimostrare un miglioramento significativo nella sopravvivenza libera da progressione in pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi non idonei a ricevere trapianto autologo di cellule staminali. Questi dati, oltre agli aggiornamenti provenienti dagli studi clinici di fase II LYRA e GRIFFIN in pazienti con mieloma multiplo sono stati presentati in una sessione orale di abstract al 60o meeting annuale della American Society of Hematology svoltosi a San Diego, California.
A un follow-up mediano di 27,8 mesi, i risultati dello studio hanno dimostrato che l’aggiunta di daratumumab a VMP ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 57% rispetto alla sola combinazione VMP. Daratumumab-VMP è risultato in un tasso di PFS a 24 mesi pari al 63% rispetto al 36% con la sola combinazione VMP. La PFS mediana per daratumumab-VMP non è ancora stata raggiunta, mentre per il braccio di controllo della sola VMP la PFS mediana è stata di 19,1 mesi. Inoltre, un tasso di risposta globale significativamente più elevato è stato osservato con daratumumab in associazione rispetto alla sola combinazione VMP. L’associazione daratumumab-VMP è risultata in risposte più profonde, migliorando significativamente il tasso di risposta parziale molto buona o migliore e più che raddoppiando il tasso di risposta completa stringente rispetto alla sola combinazione VMP. Daratumumab-VMP ha indotto un tasso più elevato di negatività sostenuta nella malattia minima residua rispetto alla sola combinazione VMP. I risultati primari di questo studio segnalati in precedenza hanno formato la base dell’approvazione da parte della Commissione Europea di daratumumab in combinazione con VMP in pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi non idonei a ricevere ASCT.
“I dati a più lungo termine dello studio clinico pivotale ALCYONE indicano che la terapia di combinazione con daratumumab ha continuato a dimostrare miglioramento nella sopravvivenza libera da progressione e nei tassi di risposta in pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi, compresi pazienti più anziani con minori probabilità di rispondere al trattamento”, ha spiegato Meletios A. Dimopoulos, Professore e Presidente del Dipartimento di terapia clinica presso la Facoltà di Medicina di Atene dell’Università nazionale e di Capodistria, Atene, Grecia, nonché Investigatore principale dello studio. “Questi risultati promettenti supportano l’uso di daratumumab più precocemente nel paradigma terapeutico quando i pazienti non idonei al trapianto hanno maggiori probabilità di trarre vantaggio dalla terapia, e indicano che la terapia continua con daratumumab offre benefici.”
Nello studio clinico ALCYONE, anemia, neutropenia e bronchite sono stati gli eventi avversi emergenti dal trattamento di grado 3-4 più comuni durante il Ciclo 10 e oltre per la combinazione daratumumab-VMP. Non sono emersi nuovi segnali di sicurezza e le infezioni di grado 3-4 hanno continuato ad essere gestibili.
I tassi di risposta dallo studio di fase II LYRA sono stati presentati per l’uso sperimentale di daratumumab in associazione a ciclofosfamide, bortezomib e desametasone in pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi e recidivo. I tassi di ORR e VGPR o migliore in 86 pazienti con nuova diagnosi sono stati rispettivamente pari a 79% e 44% dopo 4 cicli, aumentando rispettivamente all’81% e al 56% alla fine del periodo di induzione. Inoltre, il tasso VGPR o migliore in 14 pazienti con mieloma multiplo recidivo è stato del 57% dopo 4 cicli, aumentando al 64% alla fine del periodo di induzione, mentre l’ORR si è mantenuto costante al 71%. Il tasso di PFS a 18 mesi era del 78% in pazienti di nuova diagnosi non idonei al trapianto e del 53% in pazienti recidivi. Inoltre, lo studio, che ha investigato la divisione della prima dose di daratumumab per abbreviare il tempo di infusione al Ciclo 1, Giorno 1, ha dimostrato un profilo di sicurezza coerente con studi precedenti. Le reazioni avverse correlate all’infusione si sono verificate nel 49% dei pazienti nel C1D1 e nel 4% al Ciclo 1, Giorno 2. Le IRR più frequenti, verificatesi nel 54% dei pazienti con nuova diagnosi, sono state brividi, dispnea, prurito e nausea e tosse. Le IRR più frequenti, verificatesi nel 57% dei pazienti recidivi, sono state tosse, iperidrosi, dispnea e brividi. IRR di grado 3 sono state riportate solo in due pazienti, e non sono state osservate IRR di grado 4. Non ci sono state sospensioni di daratumumab a causa di IRR. Il tempo mediano di infusione è stato 4,5 ore per C1D1 e 3,8 ore per C1D2. TEAE di grado 3-4 sono stati segnalati nel 56% dei pazienti e il più comune è stato la neutropenia.
I dati presentati sullo studio clinico di fase II GRIFFIN hanno investigato daratumumab in combinazione con bortezomib, lenalidomide e desametasone in una coorte di sicurezza di 16 pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi idonei a ricevere terapia ad alto dosaggio e ASCT. I risultati hanno dimostrato che entro la fine della terapia di consolidamento successiva al ASCT, tutti i pazienti arruolati nella safety run-in hanno ottenuto VGPR o migliore, mentre il 63% ha ottenuto una risposta completa o migliore, compreso il 25% dei pazienti che hanno ottenuto sCR. Inoltre, il 94% dei pazienti sono rimasti liberi da progressione ricevendo il trattamento dello studio a un follow-up mediano di 16,8 mesi. Inoltre, 8 dei 16 pazienti erano negativi al MRD a un livello di 10-5 entro la fine della fase di consolidamento. Quattordici pazienti hanno avuto TEAE di grado 3-4 con 10 associati al trattamento con daratumumab. I TEAE di grado 3-4 più comuni comprendevano neutropenia, polmonite, trombocitopenia, linfopenia, neutropenia febbrile, leucopenia, rash e ipofosfatemia. Tredici pazienti hanno avuto infezioni di qualsiasi grado, compresa infezione del tratto respiratorio superiore, polmonite, bronchite, e otite e gastroenterite virale. Non sono state riportate morti dovute a gravi eventi avversi e nessun paziente ha sospeso il trattamento a causa di un evento avverso. Questi dati suggeriscono che l’induzione a daratumumab non influisce negativamente sulla mobilizzazione delle cellule staminali, poiché tutti i 16 pazienti sono stati sottoposti a mobilizzazione riuscita con successivo ASCT.
“Daratumumab offre continuo beneficio clinico in tutte le linee terapeutiche per il mieloma multiplo e i dati positivi dagli studi clinici ALCYONE, LYRA e GRIFFIN si basano sul solido insieme di prove a supporto dei regimi a base di daratumumab”, ha spiegato la Dott.ssa Catherine Taylor, Responsabile dell’area terapeutica ematologica EMEA di Janssen-Cilag Limited. “Questi sono risultati importanti per i pazienti, che offrono anche ulteriori informazioni sulle modalità più efficienti di gestire le cure.”

Share Button