Con Ricoh il settore sanitario diventa digitale

Print Friendly, PDF & Email

Nell’Healthcare emerge sempre più il contributo positivo della Digital Transformation. Ad Exposanità 2018 Ricoh Italia si focalizzerà sulla sfida della digitalizzazione e sui cambiamenti organizzativi da considerare.
La trasformazione digitale sta cambiando il settore sanitario. Il 92,5% dei dirigenti dell’Healthcare coinvolti in uno studio Ricoh afferma che la sanità sta facendo sempre più affidamento sulla tecnologia. Quest’ultima continuerà a rappresentare nei prossimi anni un elemento chiave per la trasformazione del settore abilitando nuovi modi di lavorare, migliorando la condivisione delle informazioni e rendendo le prestazioni sanitarie più rapide ed efficienti.
“Il settore sanitario – spiega Simone Burroni, Healthcare Business Development Manager di Ricoh Italia – deve riuscire a cavalcare i nuovi trend tecnologici quali la Digital Transformation, il cloud e l’Internet of Things. Queste innovazioni sono alla base di un sistema sanitario più sostenibile, in grado di affrontare le sfide di oggi come ad esempio l’invecchiamento della popolazione e cure sempre più costose e complesse”.
I visitatori di Exposanità potranno approfondire in che modo le tecnologie e i servizi Ricoh supportano le aziende del settore sanitario nell’innovazione IT e nella trasformazione digitale. Soluzioni self-service che automatizzano i processi di registrazione e accettazione dei pazienti, lavagne interattive che migliorano la condivisione delle informazioni e sistemi per l’acquisizione e l’archiviazione delle immagini sanitarie sono alcune delle tecnologie a disposizione degli operatori del settore presso lo stand Ricoh.
“Oltre alle tecnologie – dice Simone Burroni – condivideremo con i visitatori il nostro approccio metodologico verso la Digital Transformation, un approccio incentrato sul change management e sui cambiamenti organizzativi. L’innovazione IT, infatti, ha successo solo se viene correttamente integrata nei processi poiché non riguarda solo le tecnologie, ma la cultura aziendale e l’esperienza degli utenti”.

Share Button