Cellulite: partono i mesi della prevenzione

Print Friendly, PDF & Email

Iniziano i mesi di prevenzione e sensibilizzazione al tema Panniculopatia EdematoFibro Sclerotica comunemente definita “cellulite”.
Incubo di tutte le donne, ne soffre il 90% delle donne in età fertile, dall’adolescenza alla menopausa, indipendentemente dal peso corporeo, con tassi di incidenza importanti nella stagione post menopausa dove molto spesso si assiste a una lipodistrofia cioè ad un cedimento dell’impalcatura del tessuto adiposo.
Un problema non solo estetico però, che se trascurato può evolvere in patologie secondarie e terziarie più gravi come problemi vascolari o di tipo posturale.
Durante tutto il mese di aprile e maggio sarà infatti possibile prenotare uno screening gratuito presso uno dei Medici Estetici aderenti all’iniziativa, diplomati in Medicina Estetica e associati alla Società di Medicina ad indirizzo Estetico Agorà. Per prenotare il proprio screening gratuito è necessario individuare il centro medico più vicino chiamando lo sportello nazionale pazienti dalle ore 10:00 alle ore 17:00 al numero 02.83479049.
La campagna nazionale Agorà di prevenzione dalla cellulite, veicolata attraverso materiale informativo diffuso ai propri Medici Estetici presenti sul territorio, offre l’opportunità di prenotare uno screening gratuito che prevede una valutazione, sia anamnestica che clinica, attraverso una mirata ispezione delle aree soggette a P.E.F.S da parte di un Medico Estetico qualificato.
Al termine dello screening gratuito verrà rilasciato al paziente un referto con l’indicazione dell’eventuale riscontro della P.E.F.S. e del relativo stadio, con suggerimenti alla prevenzione della sua evoluzione e consigli relativi all’alimentazione e allo stile di vita da adottare oltre che ad un suggerimento degli eventuali trattamenti di Medicina Estetica a cui sottoporsi.
“Agorà ha deciso di promuovere nuovamente la campagna nazionale di prevenzione della “cellulite” in quanto dai dati raccolti durante il mese della prevenzione 2017 è emersa chiaramente la grande confusione legata alla definizione di questa patologia, alle cause della sua comparsa e ai metodi di cura. Dai dati, infatti, è emerso un aumento della P.E.F.S. a causa di un’elevata percentuale di mancato approfondimento diagnostico della stessa da parte dei pazienti che, trascurandola, la considerano come una problematica esclusivamente di tipo estetico. Una P.E.F.S trascurata può degenerare in insufficienza veno-linfatica e in altre patologie più serie come quelle, ad esempio, di tipo posturale”. “Esistono quattro stadi evolutivi della “cellulite”, riconoscerne la presenza al primo stadio, quando l’aspetto non è ancora evidente e si può intervenire con migliori risultati, è fondamentale.” conclude il Prof. Alberto Massirone – Presidente di Agorà – Società Italiana di Medicina ad indirizzo Estetico.

Share Button