Medicina e Chirurgia

roberrto_silingardi2

Baggiovara: nuove endoprotesi endovascolari impiantate per la prima volta in Italia

La Struttura Complessa di Chirurgia Vascolare dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, Ospedale Civile di Baggiovara, diretta dal dottor Roberto Silingardi (nella foto), è stata protagonista nei giorni scorsi di un doppio primato. Nei primi giorni di maggio sono state impiantate due nuove endoprotesi per il trattamento endovascolare degli aneurismi dell’aorta toracica e addominale per la prima volta in Italia.
“Gli aneurismi dell’aorta, ovvero la dilatazione della più grande arteria del corpo – spiega il dottor Roberto Silingardi – possono coinvolgere una porzione variabile in torace e in addome. In questi casi il trattamento chirurgico tradizionale è molto invasivo, gravato da un alto tasso di complicanze, in particolare poiché spesso si tratta di pazienti affetti da altre malattia o anziani”. Per questo motivo è stata sviluppata la tecnica endovascolare, che consente un accesso mininvasivo direttamente attraverso i vasi sanguigni. “La nostra equipe ha recente guidato uno studio sul trattamento mininvasivo degli aneurismi che coinvolgono contemporaneamente l’aorta toracica e addominale – specifica il chirurgo, dottor Stefano Gennai – dimostrando l’efficacia e la sicurezza di questo tipo di approccio e, inoltre, fornisce la possibilità di una terapia endovascolare rapida, aspetto di primaria importanza poiché molti pazienti non possono attendere a lungo”.
La Chirurgia vascolare modenese vanta un’esperienza trentennale nel trattamento degli aneurismi dell’aorta toracica e addominale e da oltre 20 anni è un punto di riferimento nazionale e internazionale della chirurgia endovascolare, come dimostrato dai quasi 3000 pazienti operati a Modena dal 1990. “In virtù dell’esperienze accumulate in questi anni – sottolineano Silingardi e Gennai – abbiamo avuto la possibilità di impiantare per primi questa protesi endovascolare, prodotta dalla ditta tedesca Jotec GmbH. Il primo e il secondo paziente a cui è stata impiantata questa endoprotesi sono ultraottantenni, affetti da altre patologie e con una dilatazione aortica estesa dal torace all’addome. Per questi motivi non avrebbero potuto attendere oltre né avrebbero potuto essere trattati con altre endoprotesi”.
L’equipe modenese si è sempre dimostrata attenta alle novità tecnologiche nel settore endovascolare. “A prova di ciò va ricordato che fin dal 1999 collaboriamo con la ditta Endologix – s’inserisce il dottorGiuseppe Saitta – infatti sono circa 850 i pazienti affetti da aneurisma dell’aorta addominale trattati con la endoprotesi uni modulare AFX”, prodotta dalla californiana Endologix. Questa proficua collaborazione ha portato i chirurghi vascolari dell’Ospedale Civile di Baggiovara (Modena) ad essere i primi in Italia ad impiantare la evoluzione tecnologica di questa endoprotesi denominata AFX 2.
“In questo caso il grande vantaggio per il paziente sta nella rapidità d’impianto, inoltre – aggiunge Saitta – la endoprotesi AFX2 garantisce una maggiore stabilità nel tempo essendo appoggiata alla biforcazione dell’aorta addominale”.La chirurgia vascolare è una specialità chirurgica caratterizzata da una continua evoluzione tecnologica, di cui il trattamento degli aneurismi dell’aorta toracica e addominale rappresenta la punta di diamante. “La nuova frontiera della chirurgia vascolare è la sala operatoria cosiddetta ibrida – conclude Silingardi assieme ai collaboratori Gennaie Saitta – costituita da un’apparecchiatura angiografica di alto livello dedicata al trattamento in particolare delle emergenze e urgenze chirurgiche”. Questo tipo di apparecchiatura, permette di ridurre i tempi operatori, facilitare i chirurghi nei casi complessi ed in particolare in urgenza. “Tale tecnologia si sta diffondendo anche in Italia e – auspica il Direttore – speriamo di poterla offrire al più presto anche ai nostri pazienti”.

More from Medicina e Chirurgia

AMD presenta il Core Competence Curriculum del diabetologo

lOGO+amd

L’Associazione Medici Diabetologi presenta, in occasione del XXI Congresso Nazionale AMD, il Core Competence Curriculum del Diabetologo, strumento concreto in grado di favorire l’attuazione di modello assistenziale integrato in ambito diabetologico in un’ottica di efficientamento delle prestazioni e all’appropriatezza prescrittiva. … Per saperne di più