A Belluno una nuova strumentazione per la diagnosi precoce del glaucoma

Print Friendly, PDF & Email

L’Unità Operativa Complessa di Oculistica ha recentemente implementato la diagnostica del glaucoma con un OCT di ultima generazione generosamente donato da un cittadino che desidera rimanere anonimo. Lo strumento è stato in questi mesi oggetto di un corso di formazione per tutto il personale della provincia di Belluno. Il corso è stato organizzato dal dott. Marco Vaccaro ed è stato tenuto dal responsabile tecnico della ditta produttrice e da un oculista esperto nel modulo glaucoma dell’OCT, dott. Tito Bertoni.
OCT è un acronimo che significa Tomografia a Coerenza Ottica; in pratica lo strumento è costituito da un emettitore di luce che proietta un fascio luce all’interno dell’occhio e, grazie a un fenomeno chiamato di interferometria a bassa coerenza, consente di misurare le distanze tra i tessuti con elevata precisione, misurando il tempo di ritardo dell’eco di luce che viene riflessa o retrodiffusa dalle differenti strutture incontrate dal fascio luminoso. L’OCT Spectral Demain di Heidelberg in dotazione all’U.O.C. di Oculistica, rappresenta, al momento, uno degli strumenti più idonei e innovativi per la diagnosi precoce del glaucoma.
Questo OCT di ultima generazione consente non solo lo studio delle fibre nervose attorno al disco ottico, ma possiede un modulo per eseguire la “segmentazione’’ degli strati retinici interni e misurare lo spessore delle cellule ganglionari. Ciò consente di eseguire un’analisi selettiva di ciascun singolo strato della retina compreso quello che è maggiormente coinvolto nelle fasi precoci della malattia glaucomatosa. Inoltre L’OCT spectral demain rappresenta una metodica non invasiva che non comporta alcun contatto con la superficie oculare e richiede pochi minuti per la sua esecuzione è dunque una valida alternativa all’esame del campo visivo nel paziente con un sospetto glaucoma; oltre a essere più efficace nel riconoscimento precoce della malattia richiede un tempo di esecuzione inferiore rispetto al campo visivo. Consentirà, perciò, di richiedere meno esami del campo visivo con una riduzione delle liste di attesa in tale ambito.
Il glaucoma è chiamato “il ladro silenzioso” perché la malattia ruba, progressivamente, le fibre nervose del paziente, riducendone così il campo visivo senza che questi se ne accorga se non negli stadi finali quando ormai è troppo tardi per intervenire. Il danno prodotto dal glaucoma inoltre è irreversibile, quindi la partita si gioca nel riconoscimento precoce della malattia quando questa è nelle fasi iniziali e praticamente asintomatica.
L’esame del campo visivo rappresenta attualmente il gold standard per seguire il paziente già affetto da glaucoma. Non rappresenta però l’esame più idoneo per la diagnosi precoce di quei pazienti che hanno dei fattori di rischio per il glaucoma e in cui la malattia non si è ancora manifestata. Perché il campo visivo possa evidenziare un danno glaucomatoso, è necessario che almeno il 20-30% delle fibre nervose sia andato perduto.

Nessun articolo correlato
Share Button