img_3027

Arriva «Sc(hi)accia», l’app che mette ko Anoressia e Bulimia

Print Friendly, PDF & Email

Per mettere al tappeto i disturbi alimentari come anoressia e bulimia esiste un nuovo strumento: «Sc(hi)accia dca», la prima applicazione disponibile su iOs e Android che permette alle persone che hanno un problema alimentare, ai loro amici, famigliari, insegnanti ed educatori di ottenere informazioni ed un eventuale aiuto entrando in contatto diretto con medici e specialisti.
Voluta dal Centro per la diagnosi e la cura dei disturbi del comportamento alimentare della Casa di Cura Palazzolo di Bergamo, «Sc(hi)accia dca» è un canale immediato per parlare agli adolescenti, con il loro linguaggio: quello digitale. In un mondo sempre più fatto di tablet e smartphone, «Sc(hi)accia dca» rappresenta la via più efficace per mettersi al fianco dei giovani, sempre più spesso vittime di questi disturbi. Si stima, infatti, che almeno il 3,3% della popolazione italiana sia affetta da anoressia e bulimia, che l’80% dei pazienti sia donna, che il 50% abbia tra i 12 e 25 anni e che il 20% dei malati sia ancora più giovane, tra gli 8 e i 12 anni. Non solo: anoressia, bulimia e disturbo da alimentazione incontrollata, tendono ad avere una cronicizzazione elevata (circa il 20-30% dei casi) e un indice di mortalità (5-12%) che ne fa la seconda causa di morte tra i giovani. Per questo è importante agire su più fronti e intervenire per tempo.
Anoressia e bulimia, infatti, sono malattie e come tali necessitano di cure specialistiche: l’App è il primo approccio per facilitare il contatto con pazienti solitamente sfuggenti e può essere un utile accompagnamento verso una guarigione fatta di valutazioni diagnostiche e ambulatoriali e di percorsi personalizzati con l’intervento di psichiatri, medici, dietisti e psicoterapeuti che aiuteranno a elaborare le emozioni e superare le difficoltà di salute. Un lavoro terapeutico a tutto tondo, basato su immagine corporea, autostima e relazioni interpersonali. Solitamente, infatti, intercorrono almeno 3 anni tra inizio della malattia e avvio delle cure, ma per chi intraprende un percorso terapeutico, le possibilità di guarigione sono del 50%.
Le richieste che arrivano alla app «Sc(hi)accia dca» vengono gestite dal Centro per i Disturbi Alimentari della Clinica Palazzolo di Bergamo che dialoga con il network nazionale di centri accreditati e assicura un contatto meno invasivo, ma più immediato con il mondo sommerso di chi soffre di questa patologia, reso possibile grazie al bando promosso dalla Fondazione Vodafone “Digital for Social”.
L’impegno della Fondazione Vodafone Italia, con il bando “Digital for Social” si declina nella promozione del digitale e, più in generale della tecnologia, come strumento di innovazione sociale. Rientra proprio in questa dimensione l’iniziativa SC(HI)ACCIA della Casa di Cura Palazzolo di Bergamo, che è stata premiata tra più di 450 progetti ricevuti.

Share Button